Si chiama La Belle ed è il primo yacht super lusso al mondo destinato alle donne

Un superyacht per signore milionarie con cristallo, oro, pellicce e fiori. Un vero gioiello è in arrivo sul mercato: si chiama La Belle ed è ancora top secret il prezzo

chiudi

Caricamento Player...

Il suo nome è La Belle ed è il nuovo yacht super lusso al mondo destinato alle donne.

La Belle è nato per sfatato il mito che vorrebbe che i super yacht debbano essere per forza al maschile.

A progettarlo è stata Lidia Bersani per Luxury Design.

La Belle si differenzia da tutti gli altri yacht presenti sul mercato per materiali usati ed servizi disponibili: cristallo, oro, pellicce, onice, gemme e fiori, sostituiscono le camere super tecnologiche, le sale giochi e tutti quegli optional che piacciono agli uomini.

010-la-belle-yacht-lusso-o

Sfoglia qui la foto gallery completa

La Belle è destinato ad incantare le sue proprietarie dall’opulenza degli arredi, dalle linee morbide e dai motivi floreali delle decorazioni.

Sul La Belle non mancano i mosaici d’oro, madreperla, lampadari di cristallo Swarovski, pietre preziose, onice e mobili in legno su misura.

Il super yacht al femminile è progettato per ospitare fino a dodici ospiti in sei cabine deluxe. Ma sul la Belle non mancano piscina idromassaggio, sauna, bagno turco, sauna a infrarossi, sala neve e fontane di ghiaccio, un piccolo centro fitness con vasca idromassaggio all’aperto. Per chi amasse legger c’è anche la biblioteca con camino, per la sera una discoteca, cinema teatro e alcuni bar.
Sul La Belle ci sono 5 ponti, ognuno con un’ampia zona per rilassarsi e prendere il sole.

Da non perdere poi la suite principale dove un letto tondo con baldacchino in oro zecchino illumina tutta la stanza che ha l’accesso ad una terrazza privata da cui ammirare il panorama.
La disegnatrice Lidia Bersani ha commentato:

“Sfortunatamente non abbiamo ancora il prezzo finale. L’idea è quella di costruire il più lussuoso yacht al mondo, e le decorazioni dorate, con cristalli Swarovski e alcune pietre preziose che vorremmo usare, non saranno di certo a buon mercato, sono sicura”.