Sesso: quanto è normale che duri un rapporto?

In molti si saranno chiesti quanto dovrebbe durare un rapporto di sesso per essere definito “normale” e la scienza ha voluto rispondere a questa domanda

chiudi

Caricamento Player...

Il dottor Brendan Zietsch, psicologo presso l’Università di Queensland, ha svolto degli studi riguardo la durata normale di una rapporto di sesso: analizzando e cronometrando per quattro settimane i rapporti sessuali di 500 coppie provenienti da tutto il mondo è emerso che, non includendo i preliminari, la penetrazione può durare dai 33 secondi ai 44 minuti, con una media che si aggira tra i 4 e i 5 minuti quindi non esiste una definizione vera e propria di durata “normale”.

Il Journal Sexual Medicine, una delle più prestigiose riviste scientifiche, rivela:

“Il sesso dovrebbe durare dai 3 ai 13 minuti; se il sesso dura meno di un minuto si può parlare di eiaculazione precoce.

Mentre una ricerca condotta da 50 ricercatori della Society for Sex Therapy and Reserch di Washington, ha decretato che: “un rapporto sessuale che supera i 13 minuti è a “rischio noia””

Il Professor Corty, uno degli autori del primo studio, commenta:

Non vorremmo che questi dati venissero presi troppo alla lettera, né che il rapporto sessuale si semplificasse ad una performance a tempo.

L’intento della nostra ricerca è proprio quello di tranquillizzare le coppie e molti uomini che vivono in maniera ossessiva la loro vita sessuale.

È necessario ricordare che la durata dell’atto sessuale è notevolmente diversa da coppia a coppia e dipende dalla scambievolezza dei singoli individui”.

Di sicuro le variabili sono molte e vanno dall’età, più si è vecchi e più aumenta l’esperienza ma il sesso dura poco, allo stress mentre non fanno cambiare la durata il fatto di indossare o meno il preservativo o ancora, l’essere circoncisi.

La cosa strana è che la maggior parte degli uomini pensano di durare molto di più di quanto fin realtà riescano a fare.

Il segreto per un rapporto soddisfacente? Semplicemente non stare a preoccuparsi della durata ma lasciarsi travolgere dalla passione.