Sesso e Matrimonio: è Crisi per una Coppia su tre

Sesso e matrimonio. Dopo 15 anni una coppia su tre smette di fare sesso. E’ il dato che emerge da una recente indagine.

chiudi

Caricamento Player...

Niente sesso siamo sposati! Potrebbe diventare il motto del futuro visti i dati allarmanti rilevati dall’AIM, l’Associazione Matrimonialisti Italiani.  Secondo una sua recente ricerca almeno una coppia italiana su tre non fa sesso dopo il matrimonio.

Su questa tendenza influisce anche il fattore temporale. Nello specifico è emerso che almeno il 30% delle coppie italiane non fa sesso se sono sposate da almeno 15 anni, mentre per quelle sposate da più di 30 anni le percentuali salgono ancora di più. Un’altro particolare emerso è che tra i partner sono maggiormente gli uomini a  rifiutare un approccio sessuale con la moglie.

Ma quali sono le cause di questo fenomeno? Secondo gli esperti è la routine, la bestia nera per le coppie nel 60% dei casi, ma ci sono anche le patologie legate a disfunzione dei genitali che impediscono la normale attività sessuale.

E’ importante specificare che la seconda causa interessa non soltanto agli uomini: sempre più donne lamentano patologie lievi o considerate non degne d’intervento medico, ma che inibiscono significativamente le sensazioni provate durante i rapporti sessuali. Altro caso frequente è l’incapacità di raggiungere l’orgasmo durante i rapporti sessuali col partner, aspetto vissuto con molta insofferenza.

Per queste disfunzioni sono d’aiuto terapie farmacologiche e cure mediche mirate. Queste osservazioni spiegano il motivo di tanti adulteri, separazioni e divorzi ma soprattutto instillano nelle persone il terrore del matrimonio.

sesso e matrimonio
sesso e matrimonio

Infatti la convivenza e la coppia aperta sono le nuove ambizioni delle coppie di oggi,  gettando in una condizione sempre più fragile una popolazione che cerca solo stabilità e sicurezza emotiva.

Individui sempre più giovani si barcamenano in situazioni sempre meno adatte alla loro età, spesso finite male, ma questa valutazione potrebbe costituire soltanto una piccola parte dell’effettivo quadro al quale oggi tutti partecipiamo.

E’ importante sottolineare che i dati raccolti dall’Ami sono puramente indicativi: primo perchè le coppie italiane a cui fa riferimento il sondaggio sono un campione molto ristretto rispetto all’intera popolazione.

Questo non scredita il risultato della ricerca, ma non ne fa neanche una verità assoluta. In secondo luogo, è da tenere a mente che i matrimoni in italia diminuiscono sempre più: la popolazione sceglie preferibilmente la convivenza, ma ciò non implica che anche in questo tipo di rapporto routine e patologie non giochino il proprio ruolo.

Guarda cosa Accadde Oggi:

[jwplayer player=”1″ mediaid=”14614″]