La semplicità di Lanvin è per signore di classe

Lanvin sceglie la semplicità per presentare la nuova collezione calda sulla passerella della Paris Fashion Week: stile discreto e raffinato, di gran classe

È una collezione importante per Lanvin, lo storico marchio di moda che sulla passerella di casa, a Parigi, festeggia i 125 anni di attività. Eppure nella collezione primavera estate, nella stessa sfilata, è la  semplicità a farla da padrona. Nessuna scenografia particolare, nessun martellante battage pubblicitario prima,  durante e dopo. Lanvin sembra voler ribadire un concetto: la forza della moda è nella moda stessa,  in particolare nella sua moda, fatta di realtà e non di apparenza, di forza e femminilità al tempo stesso,  di esuberanza e pudore.

[wooslider slider_type=”attachments” limit=”20″]

Una collezione, quella di Lanvin, che piace e colpisce proprio per il suo andare contro corrente.  Alber Elbaz, l’ultimo designer della lunga e blasonata tradizione della casa, porta in passerella una donna compiaciuta ed elegante, che non vuole mostrare le sue forme, ma mostrarsi per quello che è: una  signora di classe, semplice e raffinata al tempo stesso. Qualcuno ha scritto che forse la collezione di Lanvin è adatta alle donne mature: è vero, ma non solo. Gli abiti lunghi, eleganti, sensuali a colonna, e quelli da sera si muovono sì nel solco della  tradizione,  ma con originalità. Consentono di apprezzare una donna sinuosa e fascinosa,  ma non scoperta. Una  donna  che sa muoversi a proprio agio anche nella vita di tutti i giorni.

Ampia e variegata  la rassegna di tute disegnate da Alber Elbaz, con esclusivi bordi a viste, oppure i minidress con spalline decisamente sottili, o i vezzosi cappottini di pelle quasi impalpabile, di fatto esclusivamente scenici. Nelle gonne, ma anche negli stessi vestiti, predominano i tagli asimmetrici, studiati nei minimi dettagli e particolari, così come frutto di accurata ricerca sono le cinture tono su tono quasi scambiate per ornamento dell’abito.

A corredare il tutto, una nutrita schiera di accessori come borse ampie e voluminose, sandali e decolleté, bracciali, finanche borchie. Una signora di classe, dunque, che però di tanto in tanto si concede qualche digressione rock e che, nel complesso, ama i colori scuri, incurante della vivacità dell’estate e dell’armonia scaturita da colori e combinazioni. Una donna a tratti austera e sofisticata, così come sobria e senza orpelli è l’impostazione scelta da Lanvin per il suo compleanno ultracentenario: noblesse oblige.

ultimo aggiornamento: 29-09-2014

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X