Selvaggia Lucarelli contro il post sulle matite di Piero Pelù, ecco perché

Selvaggia Lucarelli ha notato un piccolo particolare nel post denuncia sulle matite cancellabili di Piero Pelù che l’ha portata a criticare il cantautore.

chiudi

Caricamento Player...

La blogger de Il Fatto Quotidiano Selvaggia Lucarelli ha notato, come molti utenti della rete, il post denuncia di Pieo Pelù nei confronti delle matite cancellabili con cui il leader dei Litfiba avrebbe votato per il referendum costituzionale nel proprio seggio. Questo il post di Pelù, che ha scritto: “LA MATITA CHE HO USATO PER VOTARE ERA CANCELLABILE.  Dopo aver provato su un foglio e averlo constatato ho denunciato la cosa al presidente del mio seggio. Fatelo pure voi è un vostro diritto! #DavideConGolia #Eutòpia“.

Selvaggia Lucarelli nota il nome dell’album di Pelù nella denuncia del leader dei Litifiba

Selvaggia Lucarelli
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/selvaggia.lucarelli

Il post di Piero Pelù è diventato subito virale ed è stato condiviso da migliaia di utenti su Facebook. Selvaggia Lucarelli ha però notato un piccolo particolare nel post di Pelù, che l’ha fatta immediatamente dubitare della questione ideologica a favore della mera pubblicità. Pelù, infatti, ha lanciato anche l’hashtag #eutòpia, ovvero il nome del suo ultimo album in un nuovo post, dopo essersi accorto che era diventato virale.

La Lucarelli ha così commentato la questione in un altro post su Facebook: “La sentitissima denuncia di Pierò Pelù che prima denuncia lo scandalo della matita cancellabile, poi vede che sta diventando virale e ci aggiunge l”hashtag col titolo del suo nuovo disco. #eutopia. Una questione ideologia proprio”.

Il web, prevedibilmente, si è difeso tra chi si è lanciato in difesa di Piero Pelù e chi ha invece accolto la tesi della Lucarelli, sostenendo che Pelù non volesse altro che farsi pubblicità a discapito della mera questione ideologica che sarebbe invece del tutto in secondo piano. Chi avrà ragione? Sta di fatto che, in ogni caso, il post di Pelù ha ottenuto più di centomila condivisioni, dimostrando come gli italiani abbiano apprezzato la denuncia del leader dei Litfiba.