Selvaggia Lucarelli attacca una pagina Facebook, arrivano insulti pesanti

Selvaggia Lucarelli ha duramente attaccato, via Facebook, la pagina Sesso, Droga e Pastorizia, rea di aver speculato su alcune tragedie del cyberbullismo

chiudi

Caricamento Player...

In seguito alla denuncia da parte di Selvaggia Lucarelli del caso relativo ad una giovane studentessa di Pozzuoli (della quale un video porno è finito in rete senza il suo consenso), la blogger de Il Fatto Quotidiano è stata presa di mira da una pagina Facebook molto seguita. Parliamo di Sesso, Droga e Pastorizia, che vanta oltre 1 milione di fan. Una vera e propria battaglia via social per la Lucarelli, pesantemente insultata dai fan della pagina incriminata.

Selvaggia Lucarelli: “Aspetto che si muova fb e magari la polizia postale. È veramente ora di finirla”

In un post su Facebook di ieri, Selvaggia Lucarelli ha scritto: “La pagina fb Sesso droga e pastorizia su cui girano indisturbati tutti i link porno che denunciano i giornali e le TV da mesi con commenti che sono oltre il bullismo rimane lì indisturbata e aperta senza che nessuno intervenga. Loro ovviamente non mettono il link, mettono una foto o un commento sulla Leotta di turno sapendo che sotto si scatenerà la pioggia dei link ai video ad opera dei commentatori.

L’amministratore, siccome ho denunciato questa cosa, mi ha scritto in privato un messaggio della serie “Ora ti faccio vedere io cosa ti scateno contro”. Se entrate lì dentro c’è da sentirsi male. Al momento stanno cercando di far chiudere la mia pagina a suon di cagna e “l’unica cosa che puoi fare è infilarti un membro in bocca”. Aspetto che si muova fb e magari la polizia postale. È veramente ora di finirla”.

Immediata la replica di Sesso, Droga e Pastorizia: 

sesso-droga-e-pastorizia

Una lotta destinata a non finire qua con Sesso Droga e Pastorizia che nel frattempo ha anche creato una pagina di recupero.

Al suo post la Lucarelli ha poi aggiunto: “L’amministratore Fulvio Treppiedi mi racconta che non può monitorare i commenti e i link che la gente posta. Capito? Noi li vediamo e lui no, perché ovviamente gli fa comodo averli lì per tutelarsi legalmente. Io come amministratore non posto nulla, sono i miei commentatori a farlo. Peccato che ora sia informato. E che siano informate anche le protagoniste dei video e chi sta indagando. A proposito. Mi segnalano che questo Treppiedi e un’altra delle sue pagine amministrare ha dei precedenti gravi in questo senso”.

E voi, da che parte state?

FONTE FOTO: FACEBOOK