Sei di cattivo umore? Mangia lo zafferano!

Il buon cibo mette di buon umore e qualche volta lo fa scientificamente. Lo zafferano è stato testato per le sue proprietà medicinali che contrastano la depressione.

chiudi

Caricamento Player...

La vita, si sa, ci mette spesso a disagio, provocandoci molti stati d’ansia e lasciandoci di cattivo umore. Uno studio iraniano, però, ha fornito un rimedio naturale e di gran gusto: lo zafferano. Gli esperti del Mashad University of Medical Sciences hanno provato che il consumo abituale di questa spezia contribuisce a ridurre lo stato depressivo o ansioso, sottolineando che in un mese di “cura”, lo zafferano è in grado di riportare positività nella nostra vita.

Tutto merito della crocina in esso contenuta. Questo carotenoide, oltre a essere il responsabile del colore dello zafferano, solleva l’umore e contrasta i radicali liberi.

Uno studio nostrano, precisamente dell’Università di Roma Tor Vergata, redatto dalla biologa Antonella Canini, ha messo sotto la lente di ingrandimento questa spezia, definendola un utile sedativo, antidepressivo, decongestionante, antispasmodico, afrodisiaco, diaforetico e espettorante.

Lo zafferano, inoltre, secondo gli studiosi italiani, viene anche utilizzato contro scarlattina, vaiolo, raffreddori, asma, malattie degli occhi, malattie cardiovascolari e cancro. A garantire queste proprietà medicinali, intervengono la zeazantina, il licopene, il betacarotene, il sfarinare e le vitamine B1 e B2.

Per godere di buon umore e di salute, basta utilizzare lo zafferano nei nostri piatti. Il suo uso è riportato maggiormente per colorare, insaporire e aromatizzare gli alimenti, ma è altrettanto insostituibile come ingrediente per alcuni risotti, come la paella spagnola e il risotto alla milanese. E ancora, bouillabaisse francese, plov iraniano, paklova dell’Azerbaijan.

Tra le ricette consigliate: pasta zucchine e zafferano; riso venere con salsa di gorgonzola e zafferano; ravioli di carne con panna e zafferano; insalata fredda di scampi, patate, fagiolini, porro, burro, panna, yogurt e zafferano.