Se il cibo cade a terra non è perduto: la regola dei 5 secondi è valida!

Il dubbio resta, ma una ricerca ha dimostrato che la regola dei 5 secondi permette davvero di non buttare il cibo caduto

Secondo la regola dei 5 secondi, se un pezzo di cibo cade a terra e lo si raccoglie entro cinque secondi, lo si può mangiare perchè non è stato infettato dai batteri.

Leggi anche:Batteri e cibo spazzatura: ciò che mangiamo dipende dalla loro correlazione

Solitamente però, questa è considerata una leggenda metropolitana, una di quelle cose che si dicono tanto per dire, ma la scienza ha tentato di dimostrare che la regola dei 5 secondi non sia solo una leggenda.

Un recente studio condotto dai ricercatori dell’università di Aston, nel Regno Unito, ha dimostrato che la regola dei 5 secondi è valida, ma a seconda del cibo che cade a terra e anche dal tipo di suolo.

Gli esperimenti hanno dimostrato che nel caso in cui cadano a terra cibi come pasta, pane e dolci appiccicosi su pavimenti piatti, ruvidi o coperti da tappetti e moquette, questi vengono infestati dai batteri di Escherichia coli e staffilococco aureo al massimo in 30 secondi.

Se si tratta invece, di alimenti secchi come crackers, noccioline, patatine, biscotti, in particolare quando cadono sui tappeti, i batteri trovano maggiori difficoltà a spostarsi e di conseguenza non li infestano in tempi rapidi. In questo caso la regola dei 5 secondi è da considerarsi assolutamente valida.

In ogni caso, con un po’ di buon senso, Anthony Hilton, professore di microbiologia e uno dei responsabili della ricerca, ha dichiarato:

“Mangiare cibo caduto in terra, indipendentemente dalla quantità di tempo trascorso sulla superficie, porta con sé inevitabili rischi di infezione”.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy

ultimo aggiornamento: 09-04-2015

Roberta Picco

X