Scottature solari e rimedi

Come rimediare ad un danno già fatto

chiudi

Caricamento Player...

Scottature solari e rimedi: un binomio che accompagna ogni estate. Paracetamolo e idrocortisone per i casi più gravi.

Prevenire è meglio che rimediare

Il modo migliore di gestire un’ustione solare è probabilmente non procurarsela. Applicare ripetutamente (almeno una volta ogni due ore) una crema solare con un fattore di protezione adatto al proprio fototipo sarebbe la misura precauzionale migliore.
Non sempre è possibile e a volte una distrazione o il sottovalutare l’intensità dei raggi solari provoca delle dolorose sorprese.

Scottature solari e rimedi

Le scottature solari più frequenti e non eccessivamente gravi si manifestano per lo più con arrossamenti ed estese irritazioni della pelle (eritemi). Talvolta possono comparire bolle e alle tracce cutanee dell’ustione si possono affiancare malesseri generali (spossatezza, astenia) e talvolta febbri di moderata o grave intensità.
La guarigione totale da una scottatura avviene nel giro di qualche giorno o, nei casi più gravi, di qualche settimana. Ci sono naturalmente delle strategie per favorire la guarigione e il risanamento della pelle ferita.
Innanzitutto si deve evitare l’ulteriore esposizione al sole dopo l’ustione. Se è strettamente necessario uscire di casa di giorno sarà bene coprire completamente e accuratamente le parti ustionate e bere molta acqua per reidratarsi.
Impacchi di acqua fresca (non fredda) aiutano a gestire i momenti di maggior bruciore o fastidio della pelle.
Creme idratanti e emollienti doposole vanno applicate ripetutamente nell’arco della giornata per favorire la rigenerazione cutanea.
Se l’ustione è grave e procura dolore prolungato si possono assumere analgesici come paracetamolo e ibuprofene, in aggiunta si può spalmare sulla zona interessata una crema idrocortisonica (da non utilizzare su aree corporee troppo vaste).
Mentre si attende che l’ustione passi si dovranno evitare.
Sarà necessario rivolgersi al medico se la temperatura corporea raggiunge livelli preoccupanti: dai 39 gradi in su.