Schiaffi, morsi e microspie: cosa non si fa per gelosia

“La gelosia, quando arriva non va più via “, canta Adriano Celentano. Tre casi di cronaca che ruotano intorno a questo folle sentimento.

C’è una caratteristica della gelosia che appare divertente. Essa non conosce razza, sesso, età. Non fa distinzione tra varie tipologie di esseri umani, perché l’unica cosa che la muove è l’amore. Amore che si trasforma in sofferenza. A volte anche in rabbia, quando qualcosa, o qualcuno minaccia la nostra alcova.

Lo dimostra la rissa tra due donne settantenni innamorate dello stesso uomo. E’ successo a Lavagna. Lui, 80 anni, ha lasciato lei, la moglie, 78 anni, per l’altra, l’amante, 74 anni. : l’ amante manda la moglie in ospedale

Quando la moglie ha legittimamente provato a riprendersi il marito, andando perfino nella casa dove lui conviveva con la nuova partner, l’amante, cieca di gelosia, l’ha mandata in ospedale. L’ex moglie ha denunciato l’amante per lesioni personali.

Dall’amore, si fa per dire, maturo, a quello giovanile, un’altra rissa, questa volta al centro giovanile di Amatrice. Protagonista un ragazzo di 23 anni che dopo aver rotto il naso a un uomo di 33, gli ha staccato un dito con un morso. Tutto questo per una ragazza, ovviamente. Il giovane è stato arrestato.

Ognuno di noi, almeno una volta nella vita, è stato geloso, e lasciandosi trascinare da questo strano sentimento, ha commesso cose folli: pedinamenti, più di una sbirciata sul cellulare, o un assiduo controllo su Facebook..

Sembra che un 45enne bergamasco, a causa della gelosia, sia arrivato perfino a mettere una microspia nell’auto della moglie. In aggiunta, per averla sotto controllo una volta uscita dall’auto, pare le abbia installato sul telefono un programma per intercettare le sue chiamate o i messaggi. La moglie, 40 anni, quando si è accorta dell’apparecchio nella sua auto, è andata dai carabinieri e ha sporto denuncia. Il 45enne è così finito sotto inchiesta con l’ipotesi di reato di interferenza illecita nella vita altrui. Il Gip ha poi riqualificato l’accusa in violenza privata. I due sono in fase di divorzio.

ultimo aggiornamento: 25-11-2015

Daniela Cursi Masella

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X