Sapiosexual: il quoziente d’intelligenza è diventato sexy

Da oggi arriva un nuovo modo per fare l’amore e cioè con il cervello perchè anche esso è una delle leve del desiderio: stiamo parlando della Sapiosexual

chiudi

Caricamento Player...

Lunga la lista di parole usate per descrivere i più svariati orientamenti sessuali, ma oggi a questo elenco si aggiunge un nuovo termine che sta ad indicare il quoziente d’intelligenza diventato sexy: il lemma in questione è “sapiosexual”.

Per l’esattezza la sapiosexual è stato definito dall’urbandictionary.com come “l’orientamento caratterizzato da una forte attrazione per l’intelligenza, spesso al di là del genere sessuale e dei meccanismi consueti”.

In poche parole questo termine indica uno scambio di stimoli culturali brillanti che portano a riflessioni nuove e intrighi.

Forse ciò che i “sapiosexual” trovano erotico è il modo in cui un partner usa la mente per arrivare a portarti a letto, sta di fatto che, nel loro caso, l’aspetto estetico conta meno dell’eloquenza, il cervello è più importante dell’apparenza atletica.

L’intelligenza erotica è la leva del desiderio

La filosofia della comunità sapiosexual è supportata da studi poichè l’intelligenza erotica è la leva del desiderio, ( come conferma una ricerca dell’Università di Montreal) e gli stimoli intellettivi sono fondamentali perché una donna possa raggiungere l’orgasmo ( come dimostra un esperimento dell’Università di Louvain).

Il concetto sta diventando sempre più popolare. Il gruppo Facebook “Sapiosexual”conta oltre 50mila “mi piace”. Il motto è: “Make love to my mind!” e le coppie con tale orientamento sessuale stanno spopolando.

Un sapiosexual non è solo una persona sessualmente attratta dall’intelligenza altrui perchè in realtà non si tratta di attrazione e basta, ma di attrazione carnale, eccitazione fisica.

Questa categoria esiste da molto tempo: fu identificata con un nome preciso nel 1988 da Darren Stalder, e da poco è stata aggiunta al vocabolario del sito di incontri on line “Ok Cupid”, insieme a “demisexual,” “pansexual” e “heteroflexible”.