Sandra Mondaini e Raimondo Vianello sepolti divisi, parlano i familiari filippini

A Domenica Live, la famiglia filippina di Sandra Mondaini e Raimondo Vianello ha parlato della loro volontà di essere sepolti divisi, spegnendo le polemiche

chiudi

Caricamento Player...

Ieri pomeriggio, ospite di Barbara D’Urso a Domenica Live, era presente la famiglia filippina di Sandra Mondaini e Raimondo Vianello. Come sappiamo, la coppia storica dello spettacolo italiano non ha avuto figli e nel corso degli anni ha adottato una famiglia filippina che viveva con loro. Ospiti della D’Urso, Rosalie ed i figli Raymond e Gianmarco, hanno parlato del perché i due che si amavano tantissimo sono però sepolti divisi.

Sandra Mondaini e Raimondo Vianello sepolti divisi, ecco perché

sandra-e-raimondo

I filippini hanno spiegato, cercando di spegnere tutte le polemiche in merito alla faccenda, che Sandra Mondaini e Raimondo Vianello hanno scelto autonomamente, ed in vita, come essere sepolti.

A quattro anni dalla scomparsa di Sandra, la famiglia filippina ha commemorato la grande artista presso il cimitero di Lambrate, dove la Mondaini è sepolta accanto alla mamma. Vianello, invece, è sepolto a Roma. Una petizione è stata lanciata per riunire i due amatissimi coniugi, compagni di lavoro e di una vita. Rosalie ha però cercato di smorzare dubbi e polemiche: “Io capisco bene i vostri pensieri. Anche noi vogliamo tenerli assieme. E’ dura. Una volta al mese, scendiamo per andare a trovare il signor Raimondo. Abbiamo parlato con loro del momento della morte. Il desiderio del signor Raimondo era quello di essere seppellito nella tomba di famiglia. Mentre Sandra voleva stare con la mamma”.

Barbara D’Urso ha poi riaperto il tema dei presunti fenomeni paranormali in casa Vianello, come luci e TV che si accenderebbero da sole ora che Sandra e Raimondo non ci sono più. Ha detto Rosalie: “Se dico di sì, mi credete?! Sento il passaggio delle ombre. Anche mia nipote di 27 anni, ha avvertito la loro presenza. Con la loro morte, ho perso un punto di riferimento”.

FONTE FOTO: FACEBOOK

FOTO COPERTINA: FACEBOOK