Ruby 3 mesi fa è stata ad Arcore in segreto e col cellulare spento

Tra novembre e dicembre 2014 la marocchina Ruby è stata ancora ad Arcore ma spegnendo il cellulare mentre la sua auto si stava avvicinando alla residenza di Berlusconi. Ed intanto le olgettine lo definiscono: “Nano malefico”

chiudi

Caricamento Player...

Ruby 3 mesi fa è tornata ad Arcore. La scoperta è avvenuta grazie all’analisi dei tabulati nell’ambito dell’ attività di intercettazione telefonica.

Karima El Mahroug, in arte Ruby Rubacuori, è indagata assieme a Silvio Berlusconi e ad altre ragazze per corruzione in atti giudiziari. Questo il motivo per il quale i movimenti di Ruby sono ancora tenuti sotto controllo e per cui la ragzza è stata intercettata tra metà novembre e i primi di dicembre dell’anno scorso quando, secondo gli investigatori della sezione di polizia giudiziaria della Procura, si è recata ad Arcore e, come si legge nella deposizione:

“Ha avuto l’accortezza di spegnere il cellulare per non fare registrare la propria presenza sulle celle del luogo in cui si recava”.

Questa tesi è dimostrata anche da una telefonata notturna della marocchina Ruby al nuovo fidanzato», Daniele Leo. Il 2 dicembre scorso, alle 2.41, Ruby chiama l’uomo il quale, sempre a quanto scritto:

“E’ molto risentito perché il telefono della donna è stato spento fino a quel momento. Ruby gli spiega i suoi movimenti ricordando all’uomo che lui sa benissimo il motivo per cui ha tenuto il telefono spento”.

Un altro episodio si verifica qualche giorno dopo, il 6 dicembre, quando verso le 21.40 Ruby parla al telefono con un investigatore incaricato di controllare il fidanzato, al quale anticipa che non sarà raggiungibile tra le 23.30 e le 2.30.

Negli atti si aggiunge intanto un altro capitolo relativo alle spese sostenute da Ruby, esagerate rispetto a quello che dovrebbe essere il suo stile di vita.

Le uscite economiche di Ruby, non sono compatibili con i suoi redditi di disoccupata. Parliamo di un party da 7 mila euro per la figlia e ad una vacanza alle Maldive da oltre 60mila euro.

Ed intanto Berlusconi viene definito “Nano malefico” da alcune olgettine finite sotto indagine nell’inchiesta Ruby ter.

Nell’informativa della polizia giudiziaria, è riportata una conversazione intercettata il 18 novembre scorso tra Aris Espinosa e Imma De Vivo:

“Parlano degli uomini che frequentano ed Espinosa a un certo punto dice che il suo compagno adora il nano malefico. De Vivo dice che non importa. Espinosa risponde che comunque anche Del Vivo adora il nano malefico e che tutte loro lo adorano”.