Romina Power, l’LSd, il tentato rapimento e altre confessioni da Barbara D’Urso

Ospite del salotto domenicale di Barbara D’Urso di ieri, Yari Carrisi, figlio di Romina Power e Al Bano, che si è lasciato andare a confessioni ardite ed inedite.

chiudi

Caricamento Player...

Anche questa domenica, la famiglia di Romina Power e Al Bano è al centro delle chiacchiere del salotto di Barbara D’Urso,

Ospite di ieri, Yari, il figlio ad oggi meno avvezzo ai riflettori televisivi di Romina Power e Al Bano.

Se fino ad oggi, infatti, Yari non si era mai lasciato andare a dichiarazioni, da Barbara D’ Urso, invece, ha deliziato i telespettatori con aneddoti inediti e bizzarri.

A partire dalle due storie riguardanti Romina Power e sua nonna Linda e presunte abitudini di consumo di Lsd:

“Nel 1967 mia nonna Linda (la mamma di Romina Power) era ad un incontro ufficiale con il re di Giordania. Al momento di prendere il tè, ha pensato bene di mettere un po’ di Lsd nella tazzina del re. Lui l’ha bevuto e dopo qualche ora si è ritrovato a letto in preda alle allucinazioni.”

Alla richiesta di precisazione sulla natura dell’Lsd da parte di Barbara D’Urso, Yari precisa e aggiunge stupore allo stupore:

“Eh, mia nonna era un po’ così…E sua figlia Romina Power non poteva uscire com’è uscita! Adesso a Los Angeles ha un pollaio e dice che le sue galline fanno le uova blu. A quanto mi sta raccontando, sembra che siano molto più salutari di quelle tradizionali. Ha promesso di portarmele appena torna in Italia perché ormai sono curiosissimo di vederle. Magari potremmo lanciarle sul mercato se fanno così bene…”

Ma non finisce qui, dopo le dichiarazioni sulle presunte abitudini folli della mamma e della nonna, il figlio di Romina Power decide di aprire un capitolo triste della sua infanzia, relativo al suo presunto tentativo di rapimento:

“Hanno tentato di rapirmi, avevo 12 o 13 anni, ma un angelo custode mi ha salvato. A quel punto, però, i miei genitori hanno preferito mandarmi a studiare in Svizzera con mia sorella. Loro non mi hanno mai trattato da bambino, per fortuna: ho saputo fin dall’inizio il rischio che stavo correndo e ho accettato ben volentieri il trasferimento in Svizzera dove, tra l’altro, si è aperto un nuovo capitolo della mia vita, ho conosciuto persone stupende e non posso certo lamentarmi.”

Una vita senza dubbio eccezionale quella di Yari Carrisi, che ora e in tour con il padre Al Bano e si gode la reunion con Romina Power.