Romina Power, arrivano le scuse di Roberto Alessi: ecco perché

Roberto Alessi, direttore di Novella 2000, ha chiesto scusa a Romina Power in merito ad una sua battuta fatta alla trasmissione Storie Vere.

chiudi

Caricamento Player...

Il direttore di Novella 2000, Roberto Alessi, ha pubblicamente chiesto scusa a Romina Power per una battuta fatta in merito agli alimenti che Al Bano Carrisi è tenuto a versare alla sua ex compagna di vita. Nel corso di una puntata della trasmissione Storie Vere, il giornalista aveva detto, facendo contrariare la Power: “Con tutti gli alimenti che deve scucire, figlio mio…”.

Roberto Alessi a Romina Power: “Se si è sentita offesa, le chiedo scusa!”

Romina Power
FONTE FOTO: facebook.com/rominapowerofficial

In un lungo post su Facebook, Romina aveva scritto le sue opinioni in merito alle dichiarazioni di Alessi: “Sono sempre stata schiva nel parlare pubblicamente delle questioni burocratiche e legali, che vengono trascinate inevitabilmente in pubblico con un divorzio. Ma il fatto che non lo faccia io, non dà il via ad alcune persone con i pomeriggi liberi a parlare delle ‘mie finanze’. Ho sempre ignorato per non dare ulteriore importanza, ma c’è un limite a tutto. Se mi ritrovo a scrivere questo post è perché sono arrivata a un punto dove la pazienza inizia a dissiparsi. A nessuno piace sentirsi dire delle cattiverie gratuite ma soprattutto delle opinioni che passano per verità, con assolutamente nessun fondo di attendibilità. La verità, vi assicuro, è altrove. Denigrando una persona non si diventa migliori, anzi, non capisco cosa io abbia fatto al Signor Alessi per giustificare i suoi costanti commenti poco eleganti e soprattutto falsi nei miei riguardi. Non si dovrebbe parlare, specialmente davanti a un pubblico, se poi non si sono fatti bene i compiti e non si sappia veramente come stiano le cose e di cosa si stia parlando”

Pronte sono arrivate le scuse di Alessi: “Non è mio costume offendere una signora. C’è stato un grosso equivoco e chiedo scusa a Rina Power se si è sentita tirata in ballo in prima persona. Se si è sentita offesa, io le chiedo scusa. Lo faccio perché io non offendo nessuno”.

Tutto è bene quel che finisce bene? Staremo a vedere!