Due romani doc questa sera condurranno la terza puntata di Zelig: Claudia Gerini ed Enrico Brignano

Attrice ma anche conduttrice dalla verve comica, proporrà un’altra faccia della sua personalità Claudia Gerini che con Enrico Brignano sarà la conduttrice di questa sera di Zelig in programma dalle 21,10 si Canale 5.

chiudi

Caricamento Player...

Non è la prima volta che Claudia Gerini conduce un programma tv: nel 2003 il Festival di Sanremo con Baudo, Il concertone del Primo Maggio e tanto altro ma qui è un’altra cosa e poi come ospite speciale oltre a Frankie Hi-NRG c’è suo marito Federico Zampaglione dei Tiromancino.

Questa sera la vedremo nuovamente in veste di conduttrice in Zelig, il tempio della comicità dove vige la legge della risata e del divertimento.

“Durante le prove sono morta dal ridere ed è stato buffo perché lo show l’ho visto tante volte da casa e secondo me la qualità degli attori comici è eccezionale tanto è vero che, se me lo avessero chiesto, avrei presentato anche altre puntate. In questo ultimo mese ho pensato spesso alla possibilità di fare un recital e ne ho una voglia pazzesca. Ci penso da tanti anni ma non ho mai avuto né il tempo né la concentrazione per decidere di farlo. Nel 2015 lavorerò per realizzare qualcosa di bello, ma sul palco voglio con me dei musicisti. L’idea è di raccontare tutte le donne che ci sono dentro la testa di una donna. Ho capito che desidero raccontarmi e ho incontrato autori con i quali stiamo pensando all’impianto scenico. Non posso ancora dire chi sono ma immaginate i migliori professionisti sul mercato. Di sera esco poco ma quando lavoro mia mamma o il papà delle bambine mi danno una mano. Con loro sono simpatica e cerco di farle crescere senza troppe ansie”.

Nel frattempo Claudia Gerini è diventata cintura nera di Taekwondo.

“Ero in una palestra dove mi allenavo e c’era questo preparatore olimpico di arti marziali. Il Taekwondo mi è piaciuto subito e in sei anni sono arrivata alla cintura finale. Con l’aria che tira e due bambine piccole è meglio sapersi difendere”.