Rochas fa il pieno di applausi con la sua linea minimal

La seconda collezione di Alessandro Dell’Acqua per Rochas fa il pieno di applausi sulla passerella parigina: lo stile sobrio e sofisticato convince sempre

chiudi

Caricamento Player...

Alessandro Dell’Acqua ha concesso il  bis:  la  seconda collezione firmata dallo stilista italiano, divenuto direttore creativo di Rochas, ha ottenuto forse un successo ancora più grande della prima ed è stata celebrata con tutti gli onori dalla stampa francese. La collezione primavera estate 2015 di Rochas, del  resto, ha mantenuto  tutti i tratti essenziali che avevano determinato il successo della prima: look sobrio, amore per i dettagli, rispetto per le soluzioni classiche.

[wooslider slider_type=”attachments” limit=”20″]

La prossima  linea calda di rocca è imperniata proprio su questi punti fermi. Con soluzioni decisamente originali, stravaganti, fuori dal comune.  È il caso, ad esempio,  della scarpa con il tacco corredata da calzino, o delle cinture alte in tessuto capaci di arrivare fin quasi al seno, stile geisha. O magari, degli abiti talmente ampi e dalle tonalità delicate da sembrare dei kimoni.  Riferimenti orientali, nipponici in particolari, che non hanno  stravolto, anzi  esaltato, il tono minimalista, volutamente scarno,  proprio di Dell’Acqua.

Un  tono sì minimal,  ma in grado di essere arricchito con disinvoltura da fantasie e ricami decisamente preziosi,  con dettagli di stampo floreale di elevata delicatezza e candore. Ardite e forse esagerate, infine,  le t-shirt trasparenti, con tanto di nudità in  bella mostra: dov’è andata a finire la famosa vestibilità quotidiana degli abiti che dovrebbe essere tra i capisaldi delle collezioni di moda?