La rivista GQ dedica a Kylie Minogue la copertina dell’ultimo numero

“Sono una di 46 anni che vuol essere sexy come una di 46 anni. È meno facile. È una sfida” Parola di Kylie Minogue la popolare cantante australiana.

chiudi

Caricamento Player...

Kylie Minogue vuole dimostrare al mondo che anche a 46 anni si può essere bellissima e si è fatta fotografare, mostrando il suo fisico perfetto.

I suoi scatti che dimostrano una linea invidiabile saranno la copertina della nota rivista GQ Italia di Agosto che conterrà anche una sua lunghissima intervista dove la cantante americana si racconta.

[wooslider slider_type=”attachments”]

La foto infatti ritrae la popstar in bikini, mostrando la sua forma fisica da urlo. Ad immortalarla uno dei fotografi più esperti del mondo, ossia Steve Shaw.

Kylie Minogue dieci anni fa seppe di essersi ammalata di cancro e per curarsi decise di stoppare per un po’ la sua attività cercando con tutta se stessa di sconfiggere la terribile malattia.

Cicli di chemio e radioterapia non hanno demoralizzato Kylie Minogue che ha continuato a crederci.

Da sola contro il cancro al seno ha dovuto lottare con tutta se stessa ma alla fine ha vinto ed ora può tranquillamente raccontare quella terribile avventura.

Kylie Minogue nella sua lunga confessione che potrà essere letta sulla rivista GQ racconta così la sua vittoria sul cancro :

“Se ho dato coraggio a qualcuno, facendo vedere che si può essere femminili e sexy anche dopo, forse è una cosa che posso mettere accanto a un disco di platino”.

Riguardo al suo fisico da pin up, Kylie Minogue ha detto:

“Sono una di 46 anni che vuol essere sexy come una di 46 anni. È meno facile. È una sfida. Credo che gli uomini siano consapevoli che una donna che ha superato i 40 sa il fatto suo. Anche più di molte 25enni…”.

Kylie Minogue si appresta ad iniziare una nuova avventura un lungo tour che avrà inizio dal 24 settembre a Liverpool in Inghilterra dove si esibirà cantando tutte le sue canzoni famose e i brani del suo ultimo lavoro discografico “Kiss me once”.

 Emanuela Bertolone.