Rimedi singhiozzo: come contrastare questo fastidioso disturbo?

Rimedi singhiozzo da non sottovalutare ed utilizzare per contrastarlo, non facendoci cogliere impreparati da questo disturbo così fastidioso

chiudi

Caricamento Player...

I rimedi singhiozzo sono fondamentali per combattere questo fastidioso disturbo e non bastano mai: si tratta di un’alterazione del nervo frenico, che controlla il diaframma e si contrae in modo involontario e può essere scaturito da diversi fenomeni come sbalzi di temperatura, un pasto consumato troppo velocemente e il consumo di bevande gasate. Davvero fastidioso, anche se nella maggior parte dei casi dura solamente qualche istante e poi passa da sé, alcune volte però può proseguire per qualche minuto risultando fastidioso e davvero insopportabile.

Rimedi contro il singhiozzo

Bere l’acqua dalla parte opposta del bicchiere dove vengono appoggiate solitamente le labbra può essere un ottimo metodo contro il singhiozzo: la mente si concentra nel non far cadere il liquido dal bicchiere e il singhiozzo passerà.

Premendo i lobi delle orecchie con il pollice e l’indice si stimolano alcune terminazioni nervose che vengono coinvolte durante il singhiozzo e questo lo bloccherà.

Metodo molto utilizzato è quello di trattenere il respiro: ma ovviamente non bisogna farlo per troppo tempo altrimenti potrebbe comportare danni alla respirazione.

Opzione fornita da Platone è quella di fare gargarismi con l’acqua: questo sarebbe un ottimo rimedio singhiozzo. Portare le ginocchia al petto sarebbe un’altra soluzione contro questo fastidio: la compressione sul diaframma disturba le contrazioni del nervo frenico e ferma il singhiozzo.

Un’alto rimedio è quello di masticare una fetta di limone, in quanto rilasserebbe il diaframma: se proprio risulta insopportabile l’acidità, ottimo sarebbe spremere il succo su un cucchiaino e aggiungerci dello zucchero.

Respirare in un sacchetto, oltre che essere utile quando si ha un attacco d’asma, è uno dei rimedi più consigliati contro il singhiozzo in quanto riduce il livello di CO2 nel sangue e rilassa i nervi.

Uno dei rimedi sicuramente più divertenti è quello di farsi spaventare: il riflesso incondizionato allo spavento blocca la contrazione del diaframma.

Non per ultimo, se si è golosi, un metodo singhiozzo perfetto è quello di mettere un cucchiaino di miele sotto la lingua: la sensazione di dolcezza arriva al cervello che comunicando con stomaco e riduce la pressione sul diaframma.

Fonte copertina: Pinterest