Rimedi naturali per le scottature solari

Soluzioni green per uno dei più gravi rischi dell’estate

chiudi

Caricamento Player...

Rimedi naturali per le scottature solari: aloe, tè verde e cetriolo per impacchi rinfrescanti ed emollienti, da provare immediatamente quando non si hanno a disposizione prodotti farmaceutici specifici.

Bagni addolcenti

La pelle irritata e arrossata dalla prolungata esposizione al sole ha bisogno innanzitutto di idratazione. Sarà necessario innanzitutto bere molta acqua, mangiare frutta e verdura per integrare i sali minerali perduti ed aiutare la pelle a riprendere la propria elasticità.
Se si ha a disposizione una vasca da bagno si potranno fare dei lunghi bagni rinfrescanti ed emollienti utilizzando sostanze vegetali completamente naturali.

Aggiungere un bicchiere di aceto di mele all’acqua tiepida del bagno oppure mezzo bicchiere di bicarbonato di sodio e una manciata di sale grosso aiuterà moltissimo la pelle a ritrovare la sua idratazione naturale e a guarire più rapidamente dall’eritema.
La farina d’avena non è presente in tutte le case come il bicarbonato o il sale, tuttavia avendone a disposizione si può scioglierne un bicchiere nell’acqua e rimanere almeno venti minuti con le parti dolenti immerse.

Rimedi naturali per le scottature solari: gli impacchi

Il gel di aloe vera che si può acquistare in erboristeria è un ottimo rinfrescante per la pelle irritata, esattamente come un doposole. Raggiunge il massimo della sua efficacia se lasciato in frigorifero per qualche ora prima dell’applicazione e va steso come una crema.
Se la scottatura interessa piccole zone si può provvedere a degli impacchi rinfrescanti a base di tè verde: si mettono in infusione due bustine di tè in un pentolino d’acqua bollente, quindi si lascia raffreddare fino a che non sia a temperatura corporea o anche più bassa. Si immergono batuffoli di cotone (perfetti anche i dischetti per il demake up) o fazzoletti puliti nel tè e si procede a tamponare la parte di pelle arrossata avendo cura di non sfregare.
Un procedimento simile si può adottare facendo bollire foglie di lattuga e, una volta raffreddato il decotto, applicarlo con cotone o garze sulla parte interessata.