I parenti delle vittime che si sono riunite in un comitato, chiedono a gran voce giustizia per la tragedia al Rigopiano che non ha ancora avuto una sentenza di primo grado.

Il 18 gennaio 2017 nell’albergo a Rigopiano una valganga sfondò l’edificio e ha fatto 29 vittime. Si cercano ancora, a 5 anni dalla tragedia, i responsabili che hanno contribuito a queste morti. Sono 25 gli indagati per depistaggio ma ancora oggi nessun segnale di giustizia.

Le parole dei parenti delle vittime

Noi lottiamo da 5 anni per dare giustizia ai nostri angeli e per far sì che mai più si ripeta quello che è successo a Rigopiano. Non si spengano i riflettori su questa tragedia. La speranza è che prima possibile si giunga almeno alla sentenza di primo grado, la prescrizione incombe“. Queste le parole del comitato formato dai parenti delle vittime che ancora oggi chiedono giustizia per la tragedia che ha portato via per sempre i loro cari.

Come riporta TG Com 24, tra le vittime c’erano sia il personale che gli ospiti dell’albergo. Tantissimi i nomi delle persone che non ce l’hanno fatta e che forse potevano essere risparmiate se non ci fosse stata della “negligenza” da parte dei numerosi imputati.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 18-01-2022


Liliana Resinovich: la Procura vieta la cremazione del corpo

Covid, Antonella Viola e le minacce dei No Vax: “Non mi arrendo”