Red Canzian dei Pooh torna a parlare dopo l’intervento al cuore

“Mi hanno aiutato da lassù”: Red Canzian racconta l’intervento d’urgenza al cuore subito a febbraio

chiudi

Caricamento Player...

I fan dei Pooh possono tirare un sospiro di sollievo, ora Red Canzian sta bene  ed è tornare a parlare a Domenica Live dopo il malore di qualche mese fa.

Leggi anche: Red Canzian: il peggio è passato

Red Canzian fu operato d’urgenza al cuore per una dissecazione aortica che inizialmente sembrava essere un infarto: fu salvato per pochi attimi.

“Il mio papà, che è stato un grande boxeur, ha chiamato a rapporto tutti gli angeli per aiutarmi. Poteva andarmi così bene solo con l’aiuto di chi sta lassù. Ero in un albergo a Roma. Mi sono svegliato alle 07:15 del mattino perché dovevo andavo a lavorare. Ho sentito un dolore pazzesco al petto, come se un tir incendiato mi arrivasse addosso. A 300 metri c’era un ospedale, sono stato portato lì, mi hanno fatto tutti gli esami e mi hanno detto che non era un infarto. Provavo un dolore però che non si può spiegare. Nel pomeriggio si sono accorti che ho un problema che si chiama dissecazione aortica. I tre strati dell’aorta, cioè, si staccano. Mi hanno detto: “Devi essere operato ora”. Mi hanno messo in ambulanza e mi hanno portato in un altro ospedale, che aveva un’attrezzatura e personale eccellente. Lì per caso, c’era uno dei luminari in quest’ambito che stava per partire per la Bielorussia. Mi ha operato, 7 ore di intervento. I miei figli e mia moglie sono partiti per arrivare a Roma”.

Questa esperienza ha segnato profondamente Red Canzian che ha concluso con una sentita riflessione:

“Io credo che la vita prende e dà, credo comunque di essere un uomo fortunato nonostante l’incidente di percorso, quello che mi ha dato la vita, il pubblico e la musica è molto di più. Sono comunque in debito con la vita. I miei figli Chiara e Phil non mi hanno lasciato un secondo. Non puoi non provare entusiasmo per la vita, se hai vicino queste cose”.