Record d’Incasso Mondiale per Transformers 4

Il quarto capitolo della saga, Transformers 4, ha incassato 301 milioni di dollari il primo giorno; il 16 luglio sbarca anche in Italia.

chiudi

Caricamento Player...

In appena un giorno ha frantumato tutti i record d’incasso degli Stati Uniti. Transformers: Age of Extinction, quarto capitolo della saga firmata Michael Bay, ha racimolato 42 milioni di dollari, miglior risultato del 2014 negli States per quel che riguarda i film al debutto. Battuti due colossi come Godzilla, ‘fermo’ a 38 milioni di dollari, e Capitan America Winter Soldier, terzo con 36. Ma nel resto del mondo il film che parla dello scontro tra Autobot e  Decepticon (con in mezzo gli umani inermi) ha raccolto addirittura di più, oltre 300 milioni, roba da kolossal.

È Mark Wahlberg protagonista di questo quarto capitolo, nel ruolo di un padre single nonché scalcagnato inventore. Nicola Peltz è sua figlia, mentre Jack Reynor interpreta il fidanzato. Tra gli altri attori del cast, da segnalare la presenza dell’italo-americano Stanley Tucci nella parte del ‘cattivo’. Transformers 4 è costato 165 milioni di dollari, ma sono bastate poche ore nelle sale per rientrare di tutte le spese e mettere da parte un bel tesoretto. In Italia l’uscita è prevista il 16 luglio e l’attesa è già febbrile in tutte le sale della Penisola.

Guarda il Trailer di Transformers 4.

La quarta puntata della saga segna una sorta di frattura rispetto ai tre capitoli precedenti. La trama riparte dal punto di chiusura del terzo film, ma il cast ‘umano’ è completamente rinnovato. Nuovi anche i responsabili degli effetti speciali e nuove anche le creature robotiche che fanno la loro comparsa sulla scena, i Dinobot, versione  robotica e  futuribile dei dinosauri. Esseri umani e transformers dovranno gioco forza allearsi per sfuggire ad una minaccia terribile: l’estinzione.

Il successo di Transformers 4, che in pochi giorni è già diventato un cult in tutto il mondo, mostra ancora una volta come la fantascienza sia un genere tutt’altro che in pensione. Anzi. Il proliferare di pellicole fantasy, proiettate spesso e volentieri in un futuro in cui l’umanità rischia di scomparire  assieme alle brutture di cui si è resa promotrice, è una costante di molti film in uscita nell’ultimo periodo.

Alla fine – inutile ribadirlo – il bene trionferà sulle forze del male, ma in questo caso a trionfare è soprattutto il botteghino con gli introiti a palate assicurati per tutti.