Raoul Bova racconta la sua verità su Chiara e Rocio

Per la prima volta dalla separazione con Chiara Giordano, parla Raoul Bova in prima persona per fare chiarezza

Raoul Bova ha sempre preferito il silenzio per quanto riguarda la storia della separazione dalla moglie Chiara Giordano e l’inizio di un nuovo amore con Rocio Munoz Morales.

Leggi anche: Chiara Giordano dopo Raoul Bova, tenerezze con Dino Santoro

Roul Bova non aveva proferito parola anche quando l’ex suocera aveva scritto una lettera aperta molto dura contro un “genero degenere”, che pare fosse indirizzata a lui. Ora però Raoul Bova non ne può più e ha voluto fare chiarezza sulla sua seperazione scagionando dalle ingiuste accuse l’attuale compagna, Rocio.

Raoul Bova si è aperto a Vanity Fair, raccontando anche come l’ex suocera, Annamaria Bernardini De Pace, avrebbe fatto di tutto contro di lui.

“Sono il bersaglio di una campagna. Il traditore che merita la gogna. Finora non avevo mai reagito per non peggiorare le cose, ma alla fine ho capito che in realtà le peggioro stando zitto. Perché chi è mosso dal rancore non si ferma, più incassi e più attacca. E io devo proteggere i miei figli da questa guerra. Per questo parlo. Per dire: vi prego, basta con questa guerra che fa solo del male. Basta leggere i giornali, i nomi di chi firma gli articoli, e quelli degli editori. La lettera aperta al “genero degenerato” mi ha profondamente ferito. Ma pazienza per me. Il problema è che tutta questa situazione fa star male i miei figli, i suoi nipoti. Come deve sentirsi, un ragazzino, nel leggere che il suo papà è un traditore superficiale, che non si è fatto nessuno scrupolo a scaricare la mamma per una ventenne? Le cose non sono andate per niente così, ma lui come fa a capirlo?”

Il riferimento esplicito alla suocera non c’è ma si comprende abbastanza facilmente, ed è giusta la preoccupazione di Raoul Bova, come padre, non voglia che i suoi figli siano messi in una posizione ancora più difficile e dolorosa di quanto lo siano già ora.

 “Se fosse stato possibile risparmiare loro quello che stanno vivendo, lo avrei fatto. Perché un divorzio è un dolore per tutti, e in particolar modo per i bambini. Ma perché aggiungere altra sofferenza? Vorrei che i miei figli capissero che tra noi il rapporto non deve cambiare, perché un padre ce l’hanno ancora, e io ci sarò sempre per loro, anche più di prima. Vedo i figli di tanti separati, anche celebri, che sono sereni, escono tranquillamente con la nuova compagna del padre o il nuovo compagno della madre. Non poteva succedere anche a noi? A chi fanno bene gli articoli che mettono in cattiva luce me e la mia compagna? A nessuno.”

E a proposito della suocera…

“Ne vorrei parlare il meno possibile, mi sembra che abbia parlato abbastanza lei. Posso solo dire che mi sono sempre sforzato di avere un atteggiamento civile nei suoi confronti, perché è la nonna dei miei figli. Questo lei lo sa”

Pare inoltre che il matrimonio di Raoul Bova con Chiara Giordano fosse ormai finito da tempo anche se i due avevano provato più volte a far funzionare le cose per il bene della famiglia e soprattutto dei figli.

“Il nostro matrimonio era finito da un pezzo, da ben prima che conoscessi Rocío. A lungo Chiara e io abbiamo cercato di salvare un rapporto in cui credevo, abbiamo fatto tutto il possibile. Ma se dopo molto tempo e tanti tentativi non succede nulla, può capitare di incontrare un’altra persona. Finché un giorno ti chiedi: a quarant’anni devo ancora essere schiavo del mio ideale di famiglia perfetta? Io non sono il tipo di persona che accetta un rapporto di facciata mentre nella realtà uno dei due – o anche l’altro – si prende le sue distrazioni fuori casa. Con che coraggio avrei guardato negli occhi i miei figli, la sera, se avessi dovuto fingere di essere il marito che non ero più?”

Ma anche per Rocio non è stato facile, accusata di essere una ladra di mariti e sfasciafamiglie.

“Non è stato facile nemmeno per lei. Presentata dai soliti giornali alla stregua di un Bin Laden. Rocío, che ha rubato l’uomo a un’altra. E poi calpestare la sua privacy, farla passare per raccomandata… Non era scontato che reggesse, in fondo ha solo 27 anni, ma ha dimostrato una gran forza e il nostro rapporto oggi è persino più solido.”

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy

ultimo aggiornamento: 07-04-2015

Roberta Picco

X