Raoul Bova condannato a un anno e mezzo, ecco perché

Raoul Bova è stato condannato ad un anno e mezzo di carcere. Secondo la procura si sarebbe reso artefice di un gioco finanziario…

chiudi

Caricamento Player...

Raoul Bova è stato condannato ad un anno e mezzo di reclusione dalla procura di Roma con l’accusa di dichiarazione fraudolenta mediante artifici, un reato di natura fiscale. La procura aveva sollecitato per l’attore, difeso dall’avvocato Giulia Bongiorno, la pena di un anno. I pubblici ministeri sostengono che Bova avrebbe trasferito alcuni costi alla società che gestisce la sua immagine, la Sammarco Srl, con un gioco finanziario. Si parla della cessione di alcuni diritti sui film alla simulazione dell’esistenza del diritto a ottenere sgravi fiscali, per poter eludere il fisco pagando un’aliquota Iva più bassa. In questo modo avrebbe eluso pagando quasi 700 mila euro tra il 2005 e il 2011.

Raoul Bova
FONTE FOTO: facebook.com/OfficialSiteRaoulBova

Raoul Bova: le parole dell’avvocato Bongiorno

L’avvocato Giulia Bongiorno ha espresso la seguente dichiarazione in merito alla faccenda: “La sentenza di oggi ha escluso che Raoul Bova abbia mai emesso fatture per operazioni inesistenti, quindi l’ accusa relativa a presunte operazioni fittizie, che costituiva il cuore del processo, è stata sbriciolata dalla sentenza di assoluzione”.

L’avvocato ha poi aggiunto: “La condanna si riferisce esclusivamente alla interpretazione di un contratto sui diritti di immagine sul quale si è già espressa la Commissione Tributaria di Roma in via definitiva dando inequivocabilmente ragione a Raul Bova. La Commissione Tributaria ha sottolineato che contratti come quello oggetto del processo penale in realtà sono strumenti tipici e legittimi nel mondo artistico. Siamo certi che l’ appello ribalterà la condanna anche prendendo spunto anche dalle eloquenti statuizioni della Commissione tributaria”.

Il rischio per l’attore è ora di dover restituire al fisco, rispetto ai 680 mila euro che si ritiene abbia evaso, è di circa un milione e mezzo a causa degli interessi maturati nel corso degli ultimi anni.