Ralph & Russo, lusso e opulenza per Creazioni d’alta Sartorialità

Il duo australiano Ralph & Russo sbanca all’Haute Couture attraverso proposte improntate alla cura certosina dei dettagli e alla ricchezza di ornamenti

chiudi

Caricamento Player...

Se altri grandi brand della moda internazionale puntano sull’eleganza, Ralph & Russo giocano la carta dell’opulenza vera e propria. Il duo di stilisti australiani con base a Londra manda in scena sulla passerella parigina dell’Haute Couture una collezione autunno inverno 2014-15 improntata, come di consueto, su ricchissimi ornamenti, lussuose stravaganze, scultoree rappresentazioni. Un trionfo di ricchezza, un elogio dell’abbondanza di dettagli, orpelli e ornamenti, che è nei tratti salienti di una griffe sempre più riconosciuta nello statico e poco penetrabile mondo dell’olimpo modaiolo.

L’alta sartorialità di Ralph & Russo emerge dagli eleganti ricami, dai delicatissimi pizzi e dalle laboriose trine che sono trattati con ineffabile cura a ornamento dei capi, dagli abiti più raffinati ai pantaloni, agli stessi cappotti. Tutto è curato nei minimi dettagli stilistici, ogni centimetro del vestito è rifinito abilmente con perizia da sartoria d’antan. Il risultato, in pratica, è un immenso gioiello mobile che le signore d’alta classe possono sfoggiare con studiata cupidigia.

Quanto ai colori, i due designer australiani partono con tinte soft per poi salire gradatamente d’intensità, come in un crescendo rossiniano. I primi abiti in passerella, infatti, sono delicati, tenui, dalle tonalità appena accennate come il malva, l’azzurro ghiaccio, il bianco. Man mano che la sfilata va avanti, però, le tinte si fanno più accese. Irrompono il viola indaco, il rosso borgogna, il blu nelle sue declinazioni più scure, fino al nero ricamato.

Manca solo il giallo, insomma, ma si sa che Ralph & Russo prediligono altre tonalità tra i colori primari. Inutile aggiungere che gli abiti, tanto ricchi quanto sensuali, sono realizzati con tessuti e materiali volutamente preziosi ed assumono forme studiate per ogni occasione. Particolarmente apprezzabili i drappeggi assai voluminosi delle gonne, spesso cariche di pieghe e di aperture, così come i pizzi riveduti e corretti per esaltare al massimo la propria potenza seduttiva.

Il finale è sorprendente e fiabesco al tempo stesso, visto che la sfilata parigina di Ralph & Russo si conclude con l’irruzione sulla scena di una modella in abito da sposa rigorosamente bianco e magnifico, contornato da veli di tulle e cristalli applicati. Un invito a sposarsi, ma soprattutto a farlo indossando le lussuose creazioni degli stilisti australiani.