Proteggere i capelli dal cloro

I nostri consigli per capelli al top

chiudi

Caricamento Player...

In estate non c’è niente di più piacevole che immergersi nell’acqua. A volte se si vive in città lontane dal mare è bello concedersi delle pause in piscina. Basta un giorno libero, ma esistono anche dei biglietti per un paio d’ore nella pausa pranzo. Il problema della piscina è però rappresentato dal cloro. Utilizzato per disinfettare è tuttavia molto potente ed usato in modo massiccio nelle piscine italiane, ecco come proteggere pelle e capelli.

Come proteggersi dal cloro

Non esistono molte piscine disinfettate con l’ozono che, a basso impatto, è meno dannoso del cloro. La sostanza influisce negativamente sul PH della pelle, che, dopo molte immersioni risulta secca e perde elasticità. Anche i capelli risultano sfibrati, opachi, spenti  a rischio caduta. Riduce inoltre la pellicola idrolipidica, un  film di grasso che  ci protegge dalle aggressioni esterne, rendendoci più indifesi rispetto  agli attacchi dei batteri.

La soluzione migliore è fare subito una doccia tiepida con saponi neutri o a base di salvia e timo, che proteggono dai funghi e batteri. Quindi asciugatevi con cura, tamponando pelle e capelli, senza frizionare. Quindi idratate la pelle con delle creme idratanti e i capelli con oli e creme protettive ed idratanti specifiche per capelli.

Per i capelli in modo specifico esistono delle operazioni necessarie. Bagnateli prima del tuffo con acqua dolce e passate del balsamo protettivo. Indossate una cuffia, meglio se in lattice. Quindi lavate i capelli con shampoo neutro e delicato. Proteggeteli con maschere nutrienti e oli. Quindi asciugateli con phon tiepido e lontano dai capelli. Ottimo passare dello spray termoprotettore prima dell’asciugatura.

Ecco i nostri consigli per capelli al top anche in vacanza.