I Profumi Cult in Europa sono a Rischio Commercio, anche l’intramontabile Chanel n°5

Secondo una nuova normativa UE in attesa di approvazione, nell’ etichetta dei profumi dovranno essere indicati tutti i 100 composti “pericolosi” e non più solo i 26 attualmente obbligatori. Questa decisione,oltre a rendere pubbliche formulazioni segrete, costringere le diverse case produttrici a modificare di fatto l’essenza del profumo.

chiudi

Caricamento Player...

Ormai le allergie sono sempre più diffuse, specialmente quelle causate da cosmetici e profumi, che si manifestano tramite arrossamenti, pruriti, desquamazioni e vesciche. Ci sono alcune sostanze che più di altre, sono ritenute responsabili nello scatenare reazioni allergiche e ovviamente non tutti ne sono soggetti, eppure qualcosa sta per cambiare.

Secondo il Daily Mail, la Commissione Europea ha rivelato che il 3% della popolazione soffre di disturbi dermatologici dopo aver utilizzato alcune fragranze, composte in parte da cumarina, eugenolo, maschio e  citrale. Tutte queste sostanze sono utilizzate per mantenere durature e intense le frangranze dei profumi, e compongono buona parte dei profumi più famosi a livello mondiale,  tra cui Chanel N° 5, Miss Dior, Guerlain Shalimar  ed Angel di Thierry Mugler.

Composizioni di per sè innocue, ma nel caso in cui dovessero essere confermate le notizie sul divieto, molti profumi iconici dovrebbero cambiare fragranza.

L’UE vuole inoltre vietare HICC, una molecola  sintetico la cui riduzione di tali sostanze porterebbe ad una minore incidenza di gravi irritazioni o gonfiori nei soggetti allergici.

Che cosa direbbero Marilyn Monroe o la stessa Madame Coco Chanel se sapessero che Chanel n°5 fa male alla salute?

Licia De Pasquale.

Guarda cosa accade oggi.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”17053″]