Prima udienza per Veronica Panarello

“E’ stato un incidente, si è soffocato con le fascette di plastica con cui giocava, io ho avuto paura e ho portato il cadavere nel canalone di contrada Mulinio Vecchio”, dice  Veronica Panarello.

L’ omicidio del piccolo Loris Stival entra nel vivo del procedimento penale. Il bambino di otto anni, ucciso e gettato nel canalone di contrada Mulino Vecchio il 29 novembre 2014, è ancora in attesa di giustizia, ma soprattutto di verità.

Veronica Panarello, accusata dell’omicidio di suo figlio ha in agenda per domani, 20 novembre, l’udienza davanti al gup di Ragusa. Nel frattempo, però, gli inquirenti sono alla ricerca dello zainetto di Loris.

La giovane mamma, dopo aver ammesso, venerdì 13 novembre, durante un interrogatorio al cospetto del sostituto procuratore, di non aver accompagnato suo figlio a scuola, consegnandogli le chiavi affinché salisse a casa, è stata portata fuori dal carcere martedì scorso, per due sopralluoghi: uno presso l’abitazione e l’altro sul luogo del ritrovamento del cadavere di Loris.

In questa giornata è emersa un’altra verità: Veronica Panarello ha ammesso di aver trovato il figlio morto in casa e di averlo portato personalmente al canalone. La donna ha anche indicato agli inquirenti il luogo in cui dice di aver gettato lo zainetto di Loris: una zona di campagna sulla strada tra Santa Croce e il castello di Donnafugata.   

Per questo si cerca di nuovo lo zainetto di Loris, che potrebbe contenere le famose fascette da elettricista.

La Panarello, dal canto suo, dichiara «è stato un incidente, si è soffocato con le fascette di plastica con cui giocava, io ho avuto paura e ho portato il cadavere nel canalone di contrada Mulinio Vecchio».

La procura continua a intraprendere la strada della colpevolezza di Veronica Panarello. Questo sosterrà nell’udienza preliminare di domani, 20 novembre.

Il marito della Panarello, Davide Stival, e il suocero Andrea chiederanno di costituirsi parte civile.  

ultimo aggiornamento: 20-11-2015

Daniela Cursi Masella

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X