Jean Paul Gaultier dice addio al prêt-à-porter

Jean Paul Gaultier decide di dedicarsi esclusivamente all’alta moda ma alla Parigi Fashion Week regala una ultima sfilata che raccoglie unanimi consensi.

chiudi

Caricamento Player...

Jean Paul Gaultier dice addio al prêt-à-porter, e lo fa con lo stile che lo ha sempre contraddistinto. Se sia un addio definitivo o meno lo scopriremo solo con lo scorrere del tempo, ma quel che è certo è che lo stilista transalpino ha deciso di passare ad altro. Per la sua collezione primavera-estate 2015 ha scelto ovviamente la Parigi Fashion Week, dove ha presentato le sue ultime creazioni, come sempre un po’ folli e decisamente difformi dalla massa. In passerella poi hanno sfilato le sue miss, che hanno sfilato con la fascia di Miss Gaultier.

[wooslider slider_type=”attachments” limit=”20″]

Tantissime le miss che hanno preso parte allo show, tra le quali non passano inosservati i look con le righe che hanno reso celebre il marchio di moda in tutto il mondo, ma anche i look da Miss Redactrice de Mode che imitano lo stile di grandi direttori di moda come Franca Sozzani e Anna Wintour. Senza dimenticare Miss Vintage. Jean Paul Gaultier ha ha esaltato tutti i 1500 invitati, al Gran Rex, il cinema Dèco dove andava da bambino per Natale e dove aveva sempre sognato di sfilare (come ha dichiarato in una recente intervista), con una passerella tutta energia e gag che alla fine ha incoronato la Miss.

Omaggio a Miss Meteo, Miss Smoking, Miss Femme de Footballeur, Miss Cycliste, Miss De Palmay e l’intramontabile Miss Marinière con le classiche maglie a righe che hanno reso celebre la maison che oggi è in mano al colosso dei profumi spagnolo Puig. Il motivo di questa decisione di abbandonare la “moda per tutti” e dedicarsi anima e corpo a quella che invece è “alta moda” l’infante prodigio francese la spiega così:

“Adesso voglio fare solo ciò che mi piace, dedicarmi all’haute couture, ai profumi, al rapporto con le star. Questo non è un addio alla moda ma una porta aperta per un futuro di felicità e creatività!”.

A molti probabilmente mancherà il suo stile sempre sopra le righe, che spesso ha diviso la critica, ma del resto l’esagerazione è sempre stata la sua marcia in più e l’ultimo atto relativo al prêt-à-porter, ovviamente non poteva fare eccezione.