Prendere per anni la pillola anticoncezionale protegge dal cancro all’utero

Uno studio rivela che l’uso regolare della pillola anticoncezionale dimezza il rischio di tumore all’endometrio

chiudi

Caricamento Player...

Uno studio dell’università di Oxford pubblicato sulla rivista Lancet Oncology, ha analizzato 27.000 donne ed ha determinato che l’utilizzo regolare della pillola anticoncezionale protegge dal tumore all’endometrio.

Leggi anche: Tumore ovarico: grazie alla ricerca, ora la diagnosi è possibile

E’ risultato che nei paesi ad alto reddito, l’uso della pillola ha prevenuto almeno 200.000 casi di tumore all’endometrio, dal 2008 a oggi.

I ricercatori dell’università di Oxford, hanno esaminato 36 studi in tutto il mondo per un totale di oltre 27.000 donne: dalla loro ricerca è risultato che ogni cinque anni di assunzione regolare della pillola, il rischio di tumore all’endometrio cala di un quarto. Inoltre, pare che rimanga in ogni donna una sorta di “effetto protettivo” per almeno 30 anni dopo aver smesso di prendere la pillola.

Valerie Beral, a capo della ricerca, ha spiegato:

“Studi precedenti hanno trovato che la pillola protegge anche contro il tumore all’ovaio. Le persone hanno paura che la pillola possa causare il cancro, ma nel lungo termine il rischio risulta invece ridotto. C’è un piccolo aumento del rischio di tumori della cervice e del seno, ma è molto limitato e sparisce appena si smette di prendere la pillola”.

In Italia, che ci sono circa 8000 casi l’anno di questo tipo di cancro, si può pensare che dal 1960 ad oggi siano stati evitati circo 400.000 casi di tumore. L’effetto protettivo, infatti, vale sia con le pillole degli anni ’60 sia con quelle nuove, più a basso dosaggio.