Poveri ma ricchi: il protagonista

Christian De Sica e il suo nuovo personaggio comico

chiudi

Caricamento Player...

Christian De Sica torna a riempire di allegria e divertimento il Natale degli italiani con il protagonista della nuova commedia di Fausto Brizzi: Poveri ma ricchi, remake del film francese di successo Les Tuche .

La commedia esce il 15 dicembre in tutti i cinema italiani e racconta la storia della famiglia Tucci.

Noi vi raccontiamo tutto sul personaggio maschile principale.

Christian De Sica: il protagonista di Poveri ma ricchi

L’attore interpreta il padre di famiglia, un uomo semplice, “un mozzarellaro”, anche visivamente il personaggio è creato in maniera piuttosto stravagante ed insolita. Una vincita inaspettata coglie la famiglia di sorpresa e dopo l’iniziale decisione di mantenere tutto segreto, è proprio il padre a lasciarsi scappare qualcosa. Molto divertente nel trailer la reazione del prete del paese, interpretato dal comico Giobbe Covatta, che scopre le menzogne della famiglia.

La famiglia decide di scappare e di raggiungere Milano per sfuggire alle richieste di amici e parenti.

Arrivati in città decidono di prendere lezioni di ricchezza da un maggiordomo e lo acquisteranno.

La realtà dei ricchi contemporanei è però lontana da quella che immaginavano i Tucci e i loro cambiamenti dovuti alla ricchezza si scontrano con la realtà della vita; Giulio, il figlio più piccolo della coppia è la voce narrante di chi comprende, con una sensibilità e un’acutezza maggiore di quella dimostrata dalla famiglia, la situazione. Da sempre costretto a mostrarsi meno intelligente per uniformarsi alla famiglia in questa occasione non può fare a meno di riflettere sulla nuova condizione.

Tra comicità e divertimento ispirato dall’inedita coppia comica costituita da Christian De Sica ed Enrico Brignano non mancano le splendide interpretazioni di Lucia Ocone e di molti altri personaggi come Anna Mazzamauro e Giobbe Covatta; da apprezzare la voglia di mettersi in gioco e la simpatia di Al Bano che si presta nell’interpretare il ruolo di sè stesso in alcune scene quasi surreali.

 

Fonte immagine: https://www.facebook.com/poverimaricchi