Quarto posto ai mondiali di pallavolo femminile: Cina e Brasile piegano le azzurre

La grinta delle azzurre e in modo particolare di Valentina Diouf non è bastata contro il Brasile; quarto posto ai mondiali di pallavolo e tante lacrime.

chiudi

Caricamento Player...

Non sono bastati i 31 punti di una squadra sostenuta dal calore di ben 12600 tifosi presso il forum di Assago: ai mondiali di pallavolo le azzurre non salgono sul podio sconfitte dal Brasile.

Dopo l’emozionante partita contro gli Stati Uniti e contro la Russia, le azzurre sono state sconfitte per 3 a 1 contro la Cina, battendosi per il terzo posto contro il Brasile.

Leggi anche: Ai mondiali di volley le azzurre battono Usa 3-0 e ora sono pronte a sfidare la Russia

Nonostante abbiano lottato fino all’ultimo, trascinando il Brasile al tie break, alla fine le azzurre hanno capitolato, aggiudicandosi un quarto posto che brucia ancora di più sapendo che la medaglia d’oro è andata nelle mani della squadra battuta per 3-0, gli Stati Uniti appunto.

Il ct Bonitta da parte sua ha voluto aggiungere alcune dichiarazioni in merito, lasciando un messaggio forte:

“So che non verremo ricordati per nulla, perché non abbiamo vinto una medaglia, ma per noi è una grane vittoria. Nessuna di queste squadre top che hanno vinto Olimpiadi, Mondiali, Europei, ci ha messo i piedi in testa. E questo per me è un risultato. Abbiamo lottato con tutti e siamo la prima squadra europea. Questa è la nostra vittoria e ce la teniamo stretta”

Anche Valentina Diouf, detta “fiocco di neve” perchè atterra leggera dopo aver saltato, ha espresso tutta la sua amarezza:

“Ce l’ho messa tutta, di più non potevo fare. E’ stato un Mondiale molto bello, ho avuto il sostengo di tanta gente che non mi aspettavo, come Fiorello, Cattelan e altri vip. Non siamo il calcio ma stiamo prendendo piede”

Sono in molti a guardar il volley diversamente dopo questi mondiali di pallavolo: uno sport che insegna i valori di squadra, che tiene col fiato sospeso e che sa emozionare.