Pippa Middleton come Diletta Leotta, ecco cosa le è successo

Sono state rubate oltre 3.000 foto dall’iCloud di Pippa Middleton, tra scatti privati del suo fidanzato e immagini della Famiglia Reale d’Inghilterra

chiudi

Caricamento Player...

Pippa Middleton come Diletta Leotta. La sorella di Kate Middleton è stata vittima di un furto di immagini dal suo iCloud, servizio hosting di Apple. Come ha raccontato il The Guardian, le foto rubate sono state oltre 3mila e comprendono scatti privati che immortalano non solo la stessa Pippa, ma anche il suo fidanzato e i membri della Famiglia Reale, compresi i principini George e Charlotte.

Pippa Middleton, l’anonimo hacker voleva vendere le foto ai media inglesi

pippa-middleton

Immediatamente è stata aperta un’inchiesta da parte di Scotland Yard, che ha comunicato l’arresto, nel Northamptoshire, di un uomo nei cui dispositivi sarebbero state trovate le foto incriminate.

L’uomo aveva intenzione di vendere le foto ai media inglesi. In particolare, erano già state contattate le redazione del The Sun e del Daily Mail, a cui l’hacker aveva chiesto 50mila sterline via Whatsapp.

L’uomo, che avrebbe usato come riportato da Dagospia, lo pseudonimo di “Crafty Cockney”, avrebbe rubato anche le foto che immortalano Pippa alle prese con le prove per l’abito da sposa.

La sorella della Duchessa di Cambridge, infatti, nel corso della prossima primavera, convolerà a nozze con il fidanzato, il miliardario James Matthews.

Rubate anche foto che ritraggono Pippa in intimità con l’uomo e molte immagini dei due piccoli della Famiglia Reale inglese: i principini George e Charlotte.

Il caso ha immediatamente fatto pensare al The Fappening, il più grande attacco informatico ai danni di star del mondo dello spettacolo.

In quel caso a subire il furto di immagini private, poi finite in rete, furono stelle come Jennifer Lawrence, Kim Kardashian e tante altre.

Nei giorni scorsi anche la stellina di Sky, Diletta Leotta, è stata vittima di un furto di password su Dropbox che l’ha costretta a sporgere denuncia.

FONTE FOTO: FACEBOOK