Pillola contro l’alcolismo: un semplice rimedio per far fronte ad un problema sociale

5 errori da evitare in palestra

Bere troppo alcol sta diventando un grande problema. Per questo nel Regno Unito è in arrivo la pillola contro l’alcolismo, raccomandata dal National Institute for Health and Care Excellence (NICE).

L’alcolismo è uno dei problemi più gravi che affligge la popolazione mondiale e che sta iniziando a diffondersi a macchia d’olio, soprattutto tra i giovani. Per fare fronte a questa vera e propria patologia, il servizio sanitario britannico (Nhs) ha messo a disposizione una pillola in grado di far smettere di bere.

La pillola contro l’alcolismo costa solo tre sterline, circa quattro euro, ed è una compressa a base di nalmefene un principio attivo che secondo gli scienziati è efficace nell’aiutare i pazienti a superare la dipendenza dall’assunzione di alcolici.

Il farmaco funziona grazie all’azione che il nalmefene ha sulla produzione di dopamina. Una minor quantità di questo neurotrasmettitore endogeno porterebbe, infatti, ad attenuare nell’individuo soggetto ad alcolismo a non sentire più l’impellente necessità di assumere sostanze alcoliche. Il farmaco non è indicato solo per persone con problemi di alcolismo ma può essere assunta anche da bevitori meno incalliti.

Secondo gli studi effettuati la pillola a base di nalmefene è in grado di ridurre il bisogno di bere in sei persone su dieci nell’arco di sei mesi. La pillola non una vera novità in sé ma in Italia se ne è parlato davvero poco.

La sanità britannica si è posto l’obiettivo di limitare il consumo di alcol in Inghilterra, uno dei luoghi in cui l’abuso è particolarmente elevato. Secondo la stampa britannica, il progetto costerà al servizio sanitario 288 milioni di sterline all’anno, circa 367 milioni di euro, e salverà 1900 vite umane in cinque anni risparmiando 44 mila ricoveri in ospedale.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 06-10-2014

Licia De Pasquale

Per favore attiva Java Script[ ? ]