Pet Therapy: tutti i benefici della terapia con gli animali

Gli animali fanno stare meglio, specie le persone affette da disagio o disabilità fisiche e psichiche, per questo si parla di pet therapy

chiudi

Caricamento Player...

C’è chi riesce a combattere l’insonnia con l’aiuto di un amico a 4 zampe e chi per curarsi ha scelto il lama. C’è il carcere che ha adottato un cane, chi ha riscoperto le particolari doti dell’asino e c’è persino una scuola, in Australia, che ha deciso di affidare ai gatti la lotta allo stress da prestazione degli studenti.

La pet therapy, coi suoi continui progressi e i suoi ormai svariati utilizzi, è ormai molto più che una terapia, e si estende a sempre più specie e a sempre maggiori usi.

Cos’è la pet therapy?

Tante volte abbiamo sentito parlare di pet therapy ma sappiamo davvero di cosa si tratta? Questo termine va a indicare l’interazione uomo – animale in ambito medico ed indica una terapia in cui ad essere protagonisti assoluti a sostegno del paziente sono cani, gatti e altri animali.

Con la pet therapy si vanno quindi a integrare le tradizionali cure, impiegandola su pazienti con l’obiettivo di migliorarne la loro risposta verso le terapie mediche. In parole povere si tratta di un supporto che può risultare molto efficace.

Diversi studi hanno dimostrato che alcune specie animali inducono nell’essere umano uno stato di benessere generale, di gioia, di buonumore, che a sua volta porta ad un incremento dell’attività metabolica, alla riduzione della pressione arteriosa e all’aumento delle difese immunitarie.

Ma non solo: la pet therapy si è dimostrata positiva anche nelle patologie a carattere psicologico e deambulatorio e utile per gli anziani afflitti da disabilità e solitudine, con buoni effetti sul fisico e sull’umore.

I risultati di questo tipo di cura sono la riduzione di stress e insonnia e una mente più elastica: questi importanti risultati sarebbero legati al fatto che il legame con l’animale ci fa liberare gran quantità di ossitocina, il cosiddetto “ormone dell’amore”, il responsabile della felicità la cui presenza ci aiuta ad essere più fiduciosi, empatici ed è dunque in parte responsabile della nostra felicità.