Pericolo per Kate Middleton: la clinica è invasa da un super batterio

Potrebbe esserci un parto indotto per Kate Middleton: il Royal Baby tarda ad arrivare e al St. Mary c’è un super batterio

chiudi

Caricamento Player...

Il parto si avvicina per Kate Middleton che dovrebbe dare alla luce il Royal Baby proprio in queste ore alla clinica St. Mary di Londra.

Leggi anche: Royal Baby: George andrà a fargli visita?

Il popolo in fermento, ma al St. Mary è sorto un grave problema: secondo quanto riporta l’Indipendent , un padiglione della clinica sarebbe stato chiuso a causa di un super batterio. Kate Middleton per ora è al sicuro, ma la situazione non è di certo delle migliori.

Si tratta di germi che normalmente fanno parte della flora intestinale, che però possono provocare infezioni anche gravi, dato che alcuni sono resistenti a tutti i tipi di antibiotici a disposizione. Il super batterio in questione può diffondersi da un semplice contatto fisico, ma anche dall’ambiente circostante.

Intanto preoccupano le condizioni di Kate Middleton che avrebbe già dovuto partorire ieri, ma a quanto pare il Royal Baby 2 non ne vuole sapere di nascere. Se il parto non avverrà nel giro di due giorni verrà indotto dai medici, dato che Kate è molto preoccupata per la salute sua e del bambino.

Ma le notizie non finiscono qui: pare che ci sia in atto una polemica che riguarda la scelta della clinica privata per il parto di Kate Middleton al posto del servizio sanitario nazionale. C’è chi legge questa come una poco fiducia nei confronti di questo servizio, ma il Primo Ministro David Cameron ha voluto chiarire che non ci sono problemi e che il servizio sanitario nazionale funziona in modo eccellente.

“Il principe William e la duchessa di Cambridge, Kate Middleton, sono liberi di scegliere cure mediche private. Penso che sia una scelta personale indiscutibile per chi vuole assicurarsi la sicurezza dei propri figli e delle propria famiglia. Tutto quello che spero è che la coppia sia felice e che portino presto buone notizie per l’intero paese. Riguardo al nostro Servizio Sanitario Nazionale (NHS), non c’è nulla da rimproverare a nessuno, funziona benissimo.”