Per combattere la paralisi percorre 91 km con il fratello malato sulle spalle

A solo 15 anni Hunter Gandee ha dato prova di grande coraggio. Ha percorso 91 km portando il fratellino colpito da paralisi cerebrale sulle spalle per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie neurologiche.

chiudi

Caricamento Player...

La storia di Hunter Gandee ha fatto il giro del mondo: il 15enne aveva sconvolto tutti per la sua grande determinazione ed il suo immenso coraggio.

Aveva trasportato sulle spalle suo fratello minore Braden, affetto da una malattia neurologica, per più di 64 chilometri.

Obiettivo? Sensibilizzare l’opinione pubblica su un problema ancora troppo poco conosciuto come la paralisi cerebrale.

La paralisi celebrale provoca problemi di movimento e di coordinamento ed è proprio per questo che il piccolo Braden, a soli 8 anni, non riesce a camminare senza aiuto.

Il ragazzo ha anche creato una pagina Facebook per dare maggiori informazioni sulla malattia e per raccogliere fondi destinati alla ricerca.

A causa di questo tipo di paralisi il piccolo sta vivendo una vita insostenibile per la maggior parte delle persone.

Ecco perchè suo fratello Hunter ha deciso battere il suo record precedente ed ha percorso circa 91 chilometri con il piccolo sulle spalle.

E’ partito da Lambertville ed è arrivato ad Ann Arbor, due località del Michigan. Il viaggio è stato molto pesante ed è durato ben 3 giorni.

Hunter però, in questo viaggio della solidarietà, è stato sostenuto dai familiari, dagli amici e da decine di persone sconosciute che gli hanno dato la forza e la determinazione per andare avanti.

Al termine dell’impresa Hunter ha Twittato:

“E’ stata senza dubbio la cosa più difficile che abbia mai fatto in vita mia”.

Ora è finalmente felice di aver portato a termine ciò che si era prefissato ed aver sensibilizzato l’opinione pubblica sulla paralisi del fratello. E’ riuscito a far conoscere un problema come la paralisi cerebrale a moltissime persone ed era proprio questo il suo obiettivo.