Patrizia Fabri inaugura il suo primo Atelier di cappelli in Via dell’Oca a Roma

Patrizia Fabri inaugura a fine ottobre il suo primo Atelier di cappelli in Via dell’Oca a Roma

chiudi

Caricamento Player...

A fine ottobre verrà inaugurata nella celebre Via Dell’Oca (che ha testimoniato la douceur de vie della Roma raccontata da Ennio Flaiano), proprio a due passi da Piazza del Popolo e dal piccolo, delizioso Hotel Locarno, una boutique/salotto con uno charme davvero speciale. E’ il regno infatti di Patrizia Fabri, una celebre hat maker che proporrà, tra una chiacchera e l’altra le sue creazioni esclusive, realizzate tutto artigianalmente nel suo Atelier. In mostra dunque pezzi unici creati con materiali esclusivi anche vintage.

Indirizzo: Patrizia Fabri by Antica Manifattura Cappelli, Via dell’Oca  34, Roma

In occasione dell’inaugurazione il 21 ottobre, sarà allestito uno shooting fotografico dove sarà possibile essere fotografati con uno dei tanti cappelli messi a disposizione, l’immagine sarà poi lasciata in regalo e pubblicata sui social.

Patrizia_Fabri_14

Gallery Patrizia Fabri

“I cappelli sono una cosa seria”.

Ne è convinta Patrizia Fabri che, come in una favola, dal 2003 ha ridato vita al più antico laboratorio romano di cappelli, perché “da sempre – dice – quello che ci mettiamo in testa indica lo stile, l’appartenenza a una corporazione, l’epoca. E in tempo di crisi, come diceva il signor Loris, si torna sempre al cappello. Si torna all’identità”. Il signor Loris era il precedente proprietario della cappelleria, fondata nel 1936 dalla sua famiglia, una sorta di mentore di Patrizia, che a 17 anni un giorno entrò nel suo laboratorio e non ne uscì mai più. “Mi comprai il mio primo cappello – racconta lei – e lo personalizzai. Poi un giorno al mare entrai in un negozio e lo proposi alla proprietaria, che me ne ordinò 25 di tutti i colori: il mio primo ordine! Tornai dal signor Loris che, nel suo modo tipico toscano, mi disse ‘Oh, la ragazza fa sul serio’”. Dopo il liceo Patrizia studia Architettura, ma contemporaneamente dà vita a un proprio marchio e in un laboratorio produce cappelli, borse, calzature. Manda delle foto e viene selezionata per la fiera internazionale di accessori di Parigi “Premiere classe”. Non sa nulla di quel mondo, ma gli ordini fioccano e impara in fretta. Intanto il signor Loris è sempre lì con i suoi cappelli, che Patrizia compra e personalizza, finché nel 2003 lui si ammala e le propone di rilevare l’attività. “Per me era un valore eccessivo – racconta – ma mi sentivo male al pensiero che tutto quel mondo sparisse. La sorella di Loris mise in vendita le forme di legno (per fare i cappelli, ndr) e io riuscii a ricomprarle da un architetto di Milano che voleva farci delle lampade. Pensavo un giorno di realizzarci un museo, ma poi anche la modista e il cappellaio di Loris mi chiesero di continuare e allora, con grande sforzo, nel 2003 affittai le mura e mi ritrovai proprietaria di quella che ho ribattezzato “Antica Manifattura Cappelli”. Da allora Patrizia porta avanti il laboratorio – sotto la supervisione del cappellaio Sandro Bellucci – e la boutique, dove ha rispolverato anche il proprio marchio, aprendo la produzione anche al mondo dello spettacolo e del teatro. Sue numerose creazioni del Teatro Massimo di Palermo, il Teatro dell’Opera di Roma, acconciature per le sfilate di Armani, Rocco Barocco o i cappelli scultura realizzati per Roberto Capucci esposti in una mostra in Cina, ma anche l’ultimo copricapo per Givenchy indossato dai ballerini di Madonna ai Brit Awards. Ma il più grande desiderio di Patrizia è che la cultura e la tradizione tutta artigianale del cappello non vadano perdute: per questo insegna all’Accademia d’Alta Moda e del Costume Koefia, realizza visite guidate anche per bambini e collabora con varie istituzioni e musei. Nei prossimi mesi, oltre all’apertura di una vetrina in centro, realizzerà cappelli per una mostra ai Mercati Traianei in concomitanza con l’Expo, altri per la settimana della cultura di Palermo e altri ancora per una mostra storica a Palazzo Venezia. Come disse il signor Loris, fa proprio sul serio.