Parità di genere: anche Google dice si con emoji tutte al femminile

Google ha proposto l’aggiunta di 13 emoji tutte al femminile per rilanciare e puntare i riflettori sulla chiacchierata Parità di genere

chiudi

Caricamento Player...

Google ha proposto l’aggiunta di 13 emoji tutte al femminile per rilanciare e puntare i riflettori sui ruoli cardine che le donne svolgono in tutto il mondo e quindi sulla parità di genere. L’idea è partita da quattro dipendenti donne le quali hanno deciso di far valere la propria voce e i propri diritti ancora una volta.

Disparità tra i due sessi? No, grazie!

Quattro dipendenti di Google, innervositi da una pubblicità newyorkese che metteva un po’ i piedi in testa al sesso femminile, hanno proposto l’aggiunta di 13 emoji tutte al femminile, proprio per rilanciare e puntare i riflettori sui ruoli cardine che le donne svolgono in tutto il mondo.

Le emoji riguardano il campo lavorativo e troviamo, infatti, una cuoca, una pediatra, una contadina, un’avvocatessa, una ricercatrice, meccanica, laureata, donna d’affari, musicista e altre ancora. In effetti, se si presta molta attenzione, si può notare come le emoticon femminili presenti sui nostri telefoni riguardano solamente la sfera familiare: sposa, ballerina, principessa. Insomma, sarebbe una rivincita tecnologica per le donne di tutto il mondo.

Il progetto verrà presentato questa settimana in un Consorzio Unicode, un organizzazione no profit che sviluppa e promuove gli standard di internazionalizzazione dei software, e possiamo dire con certezza che verranno presentate altre 79 emoji del tutto originali – molte delle quali saranno neutre – con particolare attenzione ad aumentare la rappresentazione femminile.

La donna ha dovuto combattere per avere gli stessi diritti dell’uomo – prendiamo in considerazione i movimenti femminili delle suffraggette, per esempio – e si è rimboccata le maniche per farsi strada in una società dominata dal genere maschile.

Questa stessa società che, purtroppo, sbatte molte porte in faccia soprattutto nell’ambito lavorativo, se si trova davanti una donna.