A Parigi una mostra sul Kama Sutra

La Pinacoteca di Parigi dedica una mostra al Kama Sutra, il libro indiano che non è solo una rassegna di posizioni sessuali, ma un manuale sul vivere bene

“È il libro più famoso al mondo insieme alla Bibbia”

E’ la frase che dice orgoglioso Marc Restellini, il direttore della Pinacoteca di Parigi. A cosa si riferisce? A qualche capolavoro della letteratura mondiale? A un’opera di Shakespeare? A qualche grande classico dell’antichità? Ma no, ovvio. Si tratta del Kama Sutra,  che in Occidente è conosciuto soprattutto come un manualetto di posizioni sessuali. In realtà è molto di più. Tanto che la Pinacoteca di Parigi ha deciso di dedicargli una mostra.

Il Kama Sutra è stato scritto in India nel IV secolo e si compone in realtà di sette libri.

“È un libro  sull’arte di vivere, su profumi, cibo, danza, musica. Di sicuro uno dei più bei testi sull’estetica della vita”.

Spiega la scrittrice Alka Pande, esperta di cultura indiana e curatrice della mostra. Non è soltanto, dunque, un opuscolo sul sesso. Che cos’è dunque nello specifico il Kama Sutra?

Scritto in sanscrito da Vatsyayana,  sacerdote di una casta erudita del sud dell’India, si compone di sette libri. In Europa e in America – di fatto – è noto solo il secondo, “L’arte di fare l’amore”, contenente un’ottantita di posizioni sessuali e riservato ai giovani sposi per dar loro un’educazione sessuale. In realtà l’intera opera  tratta anche di altro e ad ognuno dei sette libri è dedicata una sezione della mostra: “La condotta della sposa”, “Gli afrodisiaci” e  così via.

Per chi dovesse recarsi a Parigi, c’è tempo fino all’11 gennaio 2015 per fare una capatina alla Pinacoteca,  dove sono state raccolte 300 opere tra bassorilievi, miniature,  oggetti di culto e testi che fanno riferimento al Kama Sutra. La maggior parte proviene da collezioni private, come quella del maharaja di Udaipur, erede di una dinastia plurimillenaria,  o come quella dei collezionisti francesi Beroze e Michel Sabatier.

Tra le opere esposte, ovviamente, anche il celeberrimo quadro delle “80  asana”,  le famose posizioni, realizzato dalla scuola di Nathdwara tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800, oltre a una lunga serie di miniature raffiguranti incontri amorosi,  coppie e amori tra divinità. “Il dio cristiano è amore, il dio indiano fa l’amore”, conclude Marc Restellini. Il Kama Sutra raccoglie tutti i segreti dell’arte di amare. Anzi, del vivere bene.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 03-10-2014

Donna Glamour

X