Paolo Brosio racconta come e quando è avvenuta la sua conversione

In un’intervista concessa a Libero, Paolo Brosio ha raccontato il momento esatto in cui è avvenuta la sua conversione nel periodo più buio della sua vita.

chiudi

Caricamento Player...

Paolo Brosio ha concesso un’intervista a Libero, soffermandosi a parlare della vigilia di Natale 2008 quando la sua conversione è avvenuta in un momento davvero molto particolare… un’orgia. Brosio, sentendo una voce, ha cacciato tutti da casa sua e si è messo a pregare.

Paolo Brosio: “Arrivavo da un periodo di grandi sofferenze!”

Paolo Brosio instagram
FONTE FOTO: instagram.com/paolobrosioufficiale

Paolo Brosio ha raccontato delle grandi sofferenze patite negli anni scorsi, sino al momento della sua grande e definitiva conversione: “Arrivavo da grandi sofferenze, la perdita di mio padre, l’incendio del Twiga, la separazione dalla mia seconda moglie. Poi una nottata matta. Ero a Torino dove facevo le dirette della Juve, lavoravo a Mattino5 e a Pomeriggio5. Siamo tutti a casa mia. Sento una voce ‘Paolo, devi smettere’. Erano le tre e mi sono messo a recitare l’Ave Maria. Ho cacciato tutti di casa”.

Successivamente il giornalista ha sentito il bisogno di confessarsi, sentendo anche il desiderio di recarsi in quel di Medjugorje. Ha anche ricucito i rapporti con sua madre, con la quale non si sentiva dai tempi della separazione con Gretel Coello. Questo matrimonio, il secondo per Brosio, è stato annullato dalla Sacra Rota: “Il matrimonio con Gretel Coello è stato annullato, se la Madonna vorrà troverò la donna giusta. Se apri il tuo cuore a Lui succedono cose incredibili. Con la Madonna e il Signore mi diverto tanto. Pensa a tutto Dio”.

Ora Paolo sembra essere disposto davvero ad accogliere la donna giusta: “Mi sono sposato una volta in chiesa e la seconda in comune. Non ho figli. Ho chiesto la grazia al Signore e alla Sacra Rota per l’annullamento. Ho vinto in appello, dunque posso risposarmi: sono libero. Se la Madonna vorrà, mi farà trovare la persona giusta. Certo che avere una famiglia sarebbe un impegno che magari frenerebbe il mio lavoro”.