Paola Barale, tutto sulla conduttrice e showgirl ospite a Verissimo

Da valletta di Mike Bongiorno ad affermata showgirl e conduttrice. Scopriamo qualche piccola curiosità su Paola Barale, ex compagna di Raz Degan, vincitore dell’Isola dei Famosi…

chiudi

Caricamento Player...

Paola Barale, classe 1967, è sicuramente uno dei volti più amati della televisione italiana, dove si è fatta conoscere al grande pubblico come valletta di Mike Bongiorno nel 1989 a La Ruota della Fortuna. Paola, che negli anni si è poi affermata come conduttrice arrivando a vincere un Telegatto nel 1999 come personaggio femminile dell’anno, sarà ospite a Verissimo nella puntata del 22 aprile, nella quale presumibilmente parlerà anche della sua storia con Raz Degan che, in un post su Instagram, le ha dedicato dolci parole d’amore. Ma cosa non sappiamo della Barale?

Paola Barale, dal matrimonio con Gianni Sperti all’essere considerata sosia di…

  • Il suo sogno era quello di diventare un’insegnante di ginnastica, ma il fatto di essere considerata la sosia di Madonna, le aprì le porte del mondo dello spettacolo.
  • Paola è stata sposata dal 1998 al 2002 con il ballerino Gianni Sperti, prima di innamorarsi di Raz Degan ed essere la sua compagna per circa 13 anni. Dal 1991 al 1995 ha invece avuto una relazione con Marco Bellavia, volto noto di Bim Bum Bam.
  • Le hanno attribuito una relazione con una conduttrice televisiva, ma Paola Barale ha invece confermato di non essere mai stata con una donna.
  • Per circa 6 anni si è presa una pausa dal mondo dello spettacolo.

Paola Barale: il rapporto con Raz Degan

Secondo indiscrezioni, nella puntata di Verissimo che vedremo sabato 22 aprile, Paola Barale ha affermato che Raz Degan e lei non torneranno più insieme e che il pubblico lo ama solo perché non lo conosce bene. Degan, dal canto suo, non si arrende e dedica via Instagram dolci parole alla ‘sua’ Paola: “Voglio essere avvolta da te. Voglio tatuarmi il tuo nome, su ogni parte del corpo. Voglio il mio corpo, avvolto dal tuo nome. Voglio sentire il tuo calore ovunque, e sempre. Voglio leggere quel nome, voglio sentire quell’emozione percorrere tutta la spina dorsale. Voglio sentire quel brivido che sale lentamente. Voglio avere la pelle d’oca. Iniettarmi il tuo profumo, direttamente nelle vene. Sentire il tuo sapore, ogni mattina, sulla punta della lingua. Devi prendermi, devi portarmi con te, in un posto che nessuno conosce .. Dove possiamo stare lontani da ogni distrazione .. Dove possiamo essere noi due…”.