Pancia Piatta? Il regime alimentare da seguire a pranzo e cena

L’inverno ha messo a dura prova la vostra linea? E’ arrivato il momento di dare inizio alla dieta pancia piatta

chiudi

Caricamento Player...

Anche se facciamo finta di niente, la prova costume dovrebbe già essere iniziata e quindi via coi buoni propositi di fare regolare attività fisica e seguire un’alimentazione più sana per raggiungere i nostri obiettivi di salute ed estetici, tra cui la tanto ambita pancia piatta.

Esiste un modo meno drastico per sgonfiare la pancia e avere finalmente un ventre piatto? Pare proprio di sì.

Pancia piatta dieta

A colazione si può favorire il consumo di tè verde ed evitare alimenti troppo zuccherosi. Biscotti secchi e cereali integrali sono cibi perfetti per partire alla grande.

La frutta andrebbe invece consumata lontana dai pasti. Via dunque a spuntini di metà mattina oppure di primo pomeriggio a base di questi preziosi alimenti. Consumati durante queste fasce orarie giornaliere consentirebbe infatti di sfruttare in pieno le loro qualità sgonfianti.

Al bando cibi troppo grassi, elaborati, farinacei o zuccherosi, spazio alle verdure (in particolare il finocchio, che ha grandi proprietà sgonfianti), all’orzo, al kamut, al riso integrale, al pesce e alla carne bianca magra. Per aiutare la pancia a sgonfiarsi si possono provare anche gli infusi: tra i più efficaci quelli a base di semi di finocchio, di menta piperita oppure di liquirizia.

Avocado, noci, olio di oliva,  cioccolato fondente, sono solo alcuni dei prodotti che dovrebbero essere consumati con regolarità per avere un ventre piatto. Naturalmente, per avere i risultati sperati, bisognerebbe dimenticare pasta, pane e patate, così da non aumentare l’apporto di carboidrati.

Pancia piatta esercizi

La sedentarietà, ad esempio, che favorisce l’accumulo di liquidi, la ritenzione idrica e quindi anche il gonfiore alla pancia.

Ma anche la scarsa assunzione dei liquidi stessi potrebbe portare al gonfiore addominale, così come il consumo di cibi che tendono a fermentare nello stomaco oppure il mangiare troppo in fretta, senza masticare gli alimenti in modo adeguato.

Ricordiamoci di tutto ciò come se fossero “esercizi quotidiani” da un punto di vista mentale.