Padre torinese a processo: obbligava le figlie a fare sport e diete “perché grasse”

Vicenda sconcertante a Torino: il papà di due bambine, convinto che fossero grasse, le insultava obbligandole a fare sport e le costringeva seguendo una ferrea dieta. A denunciarlo l’ex moglie.

Due bambini poco più che adolescenti, sono state costrette a praticare regolarmente sport a livello agonistico e a seguire un’alimentazione a base di prodotti macrobiotici perchè il papà era convinto che fossero grasse. Il tutto condito da pesanti insulti.

Queste le motivazioni che hanno spinto il pm Barbara Badellino ha richiedere la condanna a dieci mesi per l’uomo, un torinese accusato di maltrattamenti in famiglia.

Le due ragazzine, ovviamente, hanno subito un forte turbamento psicologico ed una vera e propria paura nei confronti del padre. A denunciare l’incredibile vicenda è stata la madre delle due sorelle per tentare di mettere fine alle violenze dell’ex marito che costringeva le figlie ad ore ed ore di sport. Il caso si è aperto nel 2011, quando la donna, dopo che una delle figlie le ha raccontato cosa accadeva a casa del padre, ha presentato un esposto in procura.

Le due ragazzine avevano detto alla madre che il papà continuava a dire loro che erano troppo grasse e che dovevano dimagrire obbligandole ad ore di sci a livello agonistico. Questo il motivo per il quale, le due ragazze si rifiutavano di vedere il padre, come prevedeva l’affidamento congiunto.

L’ex moglie ha raccontato una serie di angherie alle quali le due figlie erano costrette.

Diversa la versione del padre: la sua sarebbe stata la normale preoccupazione di un genitore per lo stato di salute delle figlie e lo sport sarebbe stato solo un modo per aiutarle.

Il torinese ha inoltre aggiunto di essersi allarmato dopo avere visto su Facebook alcune foto delle due ragazzine scattate in discoteca. Anche secondo i suoi avvocati difensori, il padre si sarebbe comportato come un uomo preoccupato per le figlie. Il giudice di Torino nei prossimi giorni deciderà se nel comportamento dell’uomo può configurarsi il reato di maltrattamenti.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 23-01-2015

Emanuela Bertolone

X