Chi è il padre di Anouchka Delon

Un grande attore dal fascino intramontabile e l’esperienza con il Festival di Sanremo della figlia Anouchka

chiudi

Caricamento Player...

La notizia della partecipazione della bella figlia di Alain Delon, Anouchka come valletta nel Festival di Sanremo è ormai certa.

Nota all’estero per e sue interpretazioni da attrice questa nuova esperienza televisiva sarà una nuova sfida e un nuovo progetto.

Noi ripercorriamo i principali successi della carriera del padre; attore di fama mondiale il cui fascino gli è valso anche la preferenza come testimonial di moltissimi brand di successo. Di recente un noto profumo francese ha utilizzato delle vecchie immagini che lo mostrano nel suo fascino giovanile che non smette di abbandonarlo anche oggi ad ottantuno anni.

Chi è Alain Delon

Cinema

  • Godot (Quand la femme s’en mêle), regia di Yves Allégret (1957)
  • Fatti bella e taci (Sois belle et tais-toi), regia di Marc Allégret (1958)
  • L’amante pura (Christine), regia di Pierre Gaspard-Huit (1958)
  • Le donne sono deboli (Faibles femmes), regia di Michel Boisrond (1959)
  • Furore di vivere (Le chemin des écoliers), regia di Michel Boisrond (1959)
  • Delitto in pieno sole (Plein soleil), regia di René Clément (1960)
  • Rocco e i suoi fratelli, regia di Luchino Visconti (1960)
  • Che gioia vivere (Quelle joie de vivre), regia di René Clément (1961)
  • Amori celebri (Amours célèbres), regia di Michel Boisrond (1961)
  • L’eclisse, regia di Michelangelo Antonioni (1962)
  • Le tentazioni quotidiane (Le diable et les dix commandements), regia di Julien Duvivier (1962)
  • L’amour à la mer, regia di Guy Gilles (1963)
  • Il Gattopardo, regia di Luchino Visconti (1963)
  • Colpo grosso al casinò (Mélodie en sous-sol), regia di Henri Verneuil (1963)
  • Il tulipano nero (La Tulipe noire), regia di Christian Jaque (1964)
  • Crisantemi per un delitto (Les félins), regia di René Clément (1964)
  • Il ribelle di Algeri (L’insoumis), regia di Alain Cavalier (1964)
  • Una Rolls-Royce gialla (The Yellow Rolls-Royce), regia di Anthony Asquith (1964)
  • L’ultimo omicidio (Once a Thief), regia di Ralph Nelson (1965)
  • Né onore né gloria (Lost Command), regia di Mark Robson (1966)
  • Parigi brucia? (Paris brule-t-il?), regia di René Clément (1966)
  • Texas oltre il fiume (Texas Across the River), regia di Michael Gordon (1966)
  • I tre avventurieri (Les aventuriers), regia di Robert Enrico (1967)
  • Frank Costello faccia d’angelo (Le samouraï), regia di Jean-Pierre Melville (1967)
  • Diabolicamente tua (Diaboliquement vôtre), regia di Julien Duvivier (1967)
  • Tre passi nel delirio (1968), episodio William Wilson, regia di Louis Malle
  • Nuda sotto la pelle (Naked under Leather), regia di Jack Cardiff (1968)
  • Due sporche carogne – Tecnica di una rapina (Adieu l’ami), regia di Jean Herman (1968)
  • La piscina (La piscine), regia di Jacques Deray (1969)
  • Addio Jeff! (Jeff), regia di Jean Herman (1969)
  • Il clan dei siciliani (Le clan des siciliens), regia di Henri Verneuil (1969)
  • Borsalino (Borsalino), regia di Jacques Deray (1970)
  • I senza nome (Le cercle rouge), regia di Jean-Pierre Melville (1970)
  • Madly – Il piacere dell’uomo (Madly), regia di Roger Kahane (1970)
  • L’uomo di Saint Michel (Doucement les basses), regia di Jacques Deray (1971)
  • Sole rosso (Soleil rouge), regia di Terence Young (1971)
  • L’evaso (La veuve Couderc), regia di Pierre Granier-Deferre (1971)
  • La prima notte di quiete, regia di Valerio Zurlini (1972)
  • L’assassinio di Trotsky (The Assassination of Trotsky), regia di Joseph Losey (1972)
  • Notte sulla città (Un flic), regia di Jean-Pierre Melville (1972)
  • L’uomo che uccideva a sangue freddo (Traitement de choc), regia di Alain Jessua (1973)
  • Scorpio, regia di Michael Winner (1973)
  • La mia legge (Les granges brûlées), regia di Jean Chapot (1973)
  • Tony Arzenta, regia di Duccio Tessari (1973)
  • Due contro la città (Deux hommes dans la ville), regia di José Giovanni (1973)
  • L’arrivista (La race des ‘seigneurs), regia di Pierre Granier-Deferre (1974)
  • Esecutore oltre la legge (Les seins de glace), regia di Georges Lautner (1974)
  • Borsalino and Co. (Borsalino and Co.), regia di Jacques Deray (1974)
  • Zorro, regia di Duccio Tessari (1975)
  • Flic Story, regia di Jacques Deray (1975)
  • Lo zingaro (Le Gitan), regia di José Giovanni (1975)
  • Mr. Klein (Mr Klein), regia di Joseph Losey (1976)
  • Il figlio del gangster (Comme un boomerang), regia di José Giovanni (1976)
  • La gang del parigino (Le gang), regia di Jacques Deray (1977)
  • Quel giorno il mondo tremerà (Armaguedon), regia di Alain Jessua (1977)
  • L’ultimo giorno d’amore (L’homme pressé), regia di Édouard Molinaro (1977)
  • Morte di una carogna (Mort d’un pourri), regia di Georges Lautner (1977)
  • Lo sconosciuto (Attention, les enfants regardent), regia di Serge Leroy (1978)
  • Airport ’80 (The Concorde: Airport ’79), regia di David Lowell Rich (1979)
  • Histoire d’amour (Le toubib), regia di Pierre Granier-Deferre (1979)
  • Tre uomini da abbattere (3 hommes à abattre), regia di Jacques Deray (1980)
  • Nido di spie (Tegeran-43), regia di Aleksandr Alov e Vladimir Naumov (1981)
  • Per la pelle di un poliziotto (Pour la peau d’un flic) (1981) – anche regista
  • Il bersaglio (Le choc), regia di Robin Davis (1982)
  • Braccato (Le battant) (1983) – anche regista
  • Un amore di Swann (Un amour de Swann), regia di Volker Schlöndorff (1984)
  • Notre histoire, regia di Bertrand Blier (1984)
  • Ventiduesima vittima… nessun testimone (Parole de flic), regia di José Pinheiro (1985)
  • Il passaggio (Le passage), regia di René Manzor (1986)
  • Ne réveillez pas un flic qui dort, regia di José Pinheiro (1988)
  • I pianoforti di Berlino, regia di Philippe Lefebvre (1988)
  • Nouvelle vague (Nouvelle Vague), regia di Jean-Luc Godard (1990)
  • Coreografia di un delitto (Dancing Machine), regia di Gilles Béhat (1990)
  • Il ritorno di Casanova (Le retour de Casanova), regia di Edouard Niermans (1992)
  • Un crime, regia di Jacques Deray (1993)
  • L’orso di peluche (L’ours en peluche), regia di Jacques Deray (1994)
  • Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
  • Le jour et la nuit, regia di Bernard-Henri Lévy (1997)
  • Uno dei due (Une chance sur deux), regia di Patrice Leconte (1998)
  • Actors (Les acteurs), regia di Bertrand Blier (2000)
  • Il leone (Le lion), regia di José Pinheiro (2003)
  • Asterix alle Olimpiadi (Astérix aux jeux olympiques), regia di Frédéric Forestier e Thomas Langmann (2008)

Regista

  • Per la pelle di un poliziotto (Pour la peau d’un flic) (1981)
  • Braccato (Le battant) (1983)

Tv

  • Fabio Montale (2002) – miniserie in tre episodi
  • Frank Riva (2003-2004) – miniserie in sei episodi

Fonte immagine: https://www.facebook.com/Alain-DELON-186232404784321/