Original Unverpackt, il nuovo supermercato di Berlino, è già un successo

Original Unverpackt è il nuovo supermercato dove non esistono imballaggi: banane, spaghetti e latte sono in vendita sfusi.

chiudi

Caricamento Player...

Ha già raggiunto 35mila euro di finanziamenti tramite crowdfunding e quindi partirà entro l’estate: Original Unverpackt un supermercato assolutamente privo di imballaggi ideato da due imprenditrici tedesche.

Banane, spaghetti e latte saranno riposti in contenitori portati direttamente dai clienti, o in borse di tela, barattoli o bottiglie riutilizzabili messi a disposizione nel punto vendita Original Unverpackt , con l’obiettivo di ridurre a zero la quantità di plastica, carta e vetro ancora necessaria per fare la spesa. E inutilmente gettata subito dopo l’uso.

Original Unverpackt dice basta alle caramelle incartate una a una, o ai sacchetti indispensabili anche per comprare una sola mela: sulla pagina Faceboob di Original Unverpack sono gli utenti a ringraziare le ideatrici della start up, mentre la raccolta fondi prosegue, e pare proprio che raggiungerà presto i 45mila euro necessari (i primi 20mila sono stati messi insieme in soli due giorni). In cambio di un’offerta (minimo 300 euro) si possono avere buoni sconti per i futuri acquisti, libri di cucina o contenitori con il logo del negozio.

Il piccolo supermercato Original Unverpackt avrà circa 600 prodotti di tutti i tipi, con particolare attenzione al mondo vegan. Si parte dalla consapevolezza che ogni anno 8 milioni di tonnellate di rifiuti finiscono in mare (dati Wwf) e tre quarti sono plastica.

Anche nelle grandi città occidentali le cose non vanno come dovrebbero: si calcola che solo in Germania, ogni anno, gli imballaggi che vengono gettati sono 16 milioni di tonnellate, e la maggior parte non vengono riciclati.

“Crediamo che la nostra idea possa essere la risposta al problema rifiuti. Non siamo una grande catena, ma insieme possiamo cambiare le cose poco alla volta”, hanno detto le due imprenditrici di Original Unverpack.

La sfida è ardua, ma cambiare le abitudini delle persone è possibile. Se un progetto simile, aperto nel 2007 a Londra, ha dovuto chiudere all’inizio di quest’anno, un supermercato senza confezioni ha un buon successo a Vienna, e un altro sta già per aprire a Bonn.