L’opinionista Selvaggia Lucarelli denunciata da Barbara D’Urso afferma: “Le querele non mi spaventano”

Denunciata da Barbara D’Urso, la piccante opinionista Selvaggia Lucarelli si difende sul suo blog: “I tribunali si scomodano per cose serie”

chiudi

Caricamento Player...

Si confronteranno in tribunale. Nel frattempo, combattono a colpi di post. Tra l’opinionista Selvaggia Lucarelli e la presentatrice Barbara D’Urso non corre buon sangue, soprattutto da quando la conduttrice Mediaset ha querelato la pungente opinionista per alcune dichiarazioni rilasciate l’anno scorso alla trasmissione Reputescion di Andrea Scanzi. Una denuncia venuta fuori ieri. Stamattina, puntuale, il commento salace della Lucarelli. Dove? Ovvio, sul suo blog.

 “Le querele non mi spaventano”, s’intitola il post comparso stamattina, 19 giugno, sul blog di Selvaggia Lucarelli. Diritto di critica, satira e opinione sono tirati in ballo nell’analisi, in contrapposizione all’antipatia che, secondo la sempre scollatissima opinionista, avrebbe animato Carmencita nella sua denuncia.

 “Le querele, soprattutto quelle per antipatia, non mi spaventano. Continuerò a esercitare il mio diritto di critica, di satira e di opinione, sempre nel rispetto del lecito, che è cosa che stabilisce la costituzione, e del buonsenso, che è cosa che stabilisco io”, sottolinea Selvaggia Lucarelli. “Grazie a tutti per l’affetto e la solidarietà, ma davvero, queste sono eccezioni. Per una mia opinione o una mia battuta i più si arrabbiano o si fanno una risata, nient’altro. Qualcuno, dopo un mio articolo anche tagliente, è perfino diventato mio amico perché s’è divertito e mi ha chiamata, dandomi un’esemplare lezione di autoironia”.

 Non così evidentemente Barbara D’Urso, che anziché Selvaggia Lucarelli ha contattato il suo avvocato. “I tribunali si scomodano per cose serie, non dobbiamo dimenticarcelo mai. Lo dobbiamo a chi per anni aspetta che sia fatta giustizia questioni davvero importanti, mentre i tribunali sono ingolfati da querele e cause per fuffa o antipatia. E comunque, come dicono tutti prima di andare in galera, io – conclude Selvaggia – e Andrea Scanzi (querelato anche lui) siamo sereni. Grazie”.

Guarda cosa accadde oggi.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”19410″]