Nelle campagne pubblicitarie le curvy vendono di più

Maggiori introiti e più acquisti per chi impronta una campagna pubblicitaria dedicata alle curvy. Insomma, le taglie morbide vendono di più.

chiudi

Caricamento Player...

Sarà il desiderio di tante donne di potersi riconoscere nelle modelle che ogni giorno invadono tv e giornali, fatto è che, negli ultimi tempi, la riscoperta delle taglie comode e delle misure morbide sta letteralmente spopolando nelle pubblicità, tanto che sempre più brand utilizzano donne formose per sponsorizzare i propri prodotti con risultati sempre più soddisfacenti.

Il portale SugarBBW.it, dedicato alle donne curvy ha infatti stilato una speciale classifica su quali siano i prodotti che maggiormente hanno tratto vantaggio da sponsorizzazioni e campagne pubblicitarie su tv e giornali che hanno scelto come testimonial donne formose dalle curve morbide.

Al primo posto, con il 59% delle preferenze troviamo l’abbigliamento. Scelta importante quella delle varie case di moda di utilizzare come testimonial donne comuni, belle ma soprattutto in carne, che ha portato grandi profitti economici ma soprattutto un importante ritorno di immagine. Tanti sono stati i prodotti che hanno visto un incremento notevole dopo una campagna senza più modelle taglia 38; il riconoscersi delle donne comuni nelle modelle che finalmente sponsorizzano i loro prodotti preferiti ha giocato sicuramente a favore di questi brand.

In seconda posizione ci sono poi prodotti cosmetici. Dopo il “la” dato dalle case di moda, infatti, anche altri brand hanno fatto leva sulla strategia di sponsorizzare i loro prodotti con modelle curvy; e l’effetto è stato immediato! È il 32% delle intervistate ad ammettere di aver incrementato l’uso di questi prodotti (make up, deodoranti, profumi…) spinte dalla pubblicità nella quale si identificano, sentendosi ancora più belle.

Infine, troviamo i viaggi: il 9% delle donne intervistate ha affermato che se prima il viaggio era solo il raggiungimento di una meta, ora lo vive in maniera più intensa. Ed è facile capire il perché, dato che su giornali, tv o web spopolano pubblicità e promozioni di località con in primo piano splendide donne burrose. Ci si identifica, ci si riconosce e di conseguenza non si vede l’ora di partire e viversi ogni istante!

Alex Fantini, responsabile del portale ha affermato:

“Potersi identificare e riconoscersi è un fattore importante da non sottovalutare e per prime le case di moda, seguite da molti altri brand, lo hanno finalmente capito. A partire da un famoso calendario che mostra la bellezza di una splendida donna curvy di 90 chili fino ad arrivare alle pubblicità di deodoranti o creme che mostrano donne con qualche chilo in più nella loro bellezza e naturalezza, tutto questo fa vendere di più e meglio”.