Nek contro il bullismo: “Non sto zitto. No alla violenza”

Nek è il testimonial della Campagna di Telefono Azzurro contro la violenza e il bullismo

chiudi

Caricamento Player...

Telefono Azzurro promuove dal 13 al 19 aprile la Campagna Fiori d’Azzurro, per rompere il silenzio che copre la violenza sui bambini.
#NonStiamoZitti è l’appello rivolto a tutti a fare la propria parte, anche quando si è solo spettatori di un caso di sfruttamento, abbandono, abuso, adescamento, bullismo e cyberbullismo.
telefonoazzurro
Sabato 18 e domenica 19 la campagna “Fiori d’azzurro”, di cui Nek è il testimonial, sarà presente in 2.300 piazze italiane per una raccolta fondi a sostegno delle sue linee telefoniche di ascolto che da 27 anni offrono un aiuto concreto a bambini e adolescenti, italiani e stranieri.

La violenza che ogni giorno colpisce i bambini ha mille volti: in Italia un giovane su tre è vittima di bullismo e due su tre conoscono qualcuno che è stato vittima di cyberbullismo, ma chi subisce tutto questo spesso si sente solo e abbandonato. Sulla rete i pericoli si moltiplicano, dal furto d’identità sul web (subito dal 15% degli adolescenti), all’adescamento on line, ma i bambini non trovano un aiuto concreto da parte degli adulti, spesso lontani, distratti o impreparati.

Il Professor Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro dichiara:

«Quando si parla di violenza sui bambini nessuno può voltarsi dall’altra parte» «Occorre che ciascuno faccia la propria parte per rompere il silenzio, conoscere e contrastare il fenomeno, assumendosi le proprie responsabilità. Così come per vincere il bullismo, parte di un problema più grande, non serve fare la caccia al bullo, ma lavorare sulle maggioranze silenziose senza le quali il fenomeno non potrebbe esistere, così per la violenza dei bambini il primo passo da fare è non stare zitti, costruire risposte nuove a esigenze e pericoli che evolvono a velocità che non potevamo immaginare. Solo così non saranno i più piccoli a pagare il prezzo di tutto ciò che nella società costruita dai grandi ancora non funziona».